vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Guido Giangiacomo : 48 anni credo sia l'età giusta per candidarsi a sindaco

Più informazioni su

VASTO. Forza Italia questa mattina ha presentato ufficialmente la candidatura alle primarie di Guido Giangiacomo. Per l’occasione si sono ritrovati seduti allo stesso tavolo nel salone della Società Operaia a Vasto, l’onorevole Fabrizio Di Stefano, il consigliere regionale Mauro Febbo, il coordinatore regionale Nazario Pagano, il coordinatore provinciale Daniele D’Amario e il segretario cittadino di Forza Italia Antonio Monteodorisio. Tutti concordi nella scelta delle primarie e nel sostegno dell’avvocato Guido Giangiacomo. 
Il segretario cittadino del partito Antonio Monteodorisio aprendo l’incontro ha dichiarato: “ Guido Giangiacomo è una persona seria, capace, professionale, leale che ama Vasto, la sua città, questo territorio. Sono sicuro che darà un cambio di rotta a questa città”. 
Nonostante un impegno alla Procura di Pescara è comunque voluto intervenire alla presentazione il consigliere regionale Mauro Febbo sia per il legame alla famiglia Giangiacomo ma anche per ciò che si sta sperimentando nella città di Vasto. 
“Città che insieme al territorio del vastese in questo scorcio di legislatura regionale sta subendo troppi torti. Forza Italia ha necessità di governare questa città, fare un’alleanza forte con i sindaci del territorio. Veniamo purtroppo da qualche esperienza negativa non solo a Vasto, ma in molte città dell’Abruzzo dove questa non capacità del centrodestra di aggregarsi, di fare un passo indietro, ci ha portato spesso a sconfitte anche immotivate e immeritate. Oggi invece a Vasto il centrodestra, Forza Italia fa un passo di maturità importante. Per noi sarà un’esperienza importante e noi saremo qui ad accompagnare Guido”.
Guido Giangiacomo: “Questo partito ha contribuito a formarmi dal 1994. Ringrazio i due presidenti di club e tutti i sostenitori, che anche in momenti difficili, in dieci anni di opposizione, mi hanno sostenuto. Ringraziamenti a Manuele Marcovecchio ex consigliere comunale accanto a Giangiacomo tra i banchi dell’opposizione prima dell’elezione a sindaco di Cupello. Un ringraziamento –ha detto Giangiacomo- anche a Tiziana Magnacca  che è stata precursore di un nuovo modo di fare politica e che è riuscita a conquistare un comune che storicamente è di sinistra. 
E’ mio auspicio che anche a Vasto possa verificarsi un fenomeno analogo. Vasto non è mai stata di sinistra, tranne una breve esperienza negli anni Sessanta. Vasto è sempre stata di centro e di destra. Purtroppo siamo stati noi a consegnarla alla sinistra, anche io sono stato protagonista di questa esperienza. Per ben due volte il centrodestra è riuscito a regalare la città allo stesso gruppo politico. 
Ed allora molti di noi si sono raffreddati, perché siamo stati presi da profonde delusioni. Poi in realtà da circa un anno si è avviato un circolo virtuoso. Nonostante Forza Italia in genere non sia favorevole alle primarie su Vasto non ha ostacolato questo processo. 
Abbiamo aderito a questa iniziativa che ha portato in tempi brevi alla possibilità di fare le primarie che preferisco chiamare preselezione, dare la possibilità alla città di scegliere il rappresentante per tutti quelli che non si riconoscono nell’attuale amministrazione. 
Abbiamo partecipato in tutta la fase di gestione e di elaborazione del regolamento. Siamo riusciti a partorire un regolamento in tempi estremamente brevi. Io e Antonio eravamo perfettamente in grado di rappresentare validamente il centrodestra, ma abbiamo cercato di proseguire un procedimento democratico aprendo anche alla società civile. Sono stato scelto credo solo perché ho più di esperienza e qualche anno in più. Quarantotto anni credo sia l’età giusta per ricoprire questo ruolo”.  
“Vasto -ha detto l’onorevole Fabrizio Di Stefano- aveva una grande tradizione di destra. Non era importante solo la collocazione del sindaco ma anche il peso che quel sindaco sapeva dare al territorio. E’ evidente che nonostante il ruolo del presidente dell’Anci, Vasto ha perso il suo primato. Possiamo vederlo nel Masterplan e nella sanità”.
paoladadamo@vastoweb.com

Più informazioni su