vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Operazione Adriatico, paura in aula per un imputato

Più informazioni su

VASTO. Udienza al cardiopalma in tribunale. L’udienza che vedeva imputati 50 indagati dell’operazione Adriatico è stata sospesa e rinviata al 5 febbraio a causa di un malore improvviso che ha colpito uno degli imputati, Rodolphe Pinto. Venerdi sera poco prima delle 18 nel corso della seconda giornata dedicata alla requisitoria dei pm Picardi e Mancini arrivati da L’Aquila, Pinto si è sentito male. L’uomo è sbiancato in volto e si è accasciato. Il collegio ha immediatamente sospeso l’udienza facendo soccorrere l’uomo. A palazzo di giustizia è arrivata un’ambulanza del 118 che ha trasferito Pinto al San Pio. Le notizie al termine degli accertamenti sono rassicuranti. Certo è che il malessere ha tenuto molti con il fiato sospeso.Si ricomincia il 5 febbraio. I pm faranno le loro richieste e a seguire parleranno gli avvocati Fiorenzo Cieri e Arnaldo Tascione che rappresentano due parti civili che subirono un tentativo du omicidio.

L’Operazione Adriatico conta 50 imputati accusati di associazione a delinquere ,spaccio di droghe, estorsione e attentati. Martedi e venerdi la pubblica accusa ha tenuto una lunga e analitica requisitoria a cui  faranno seguito il 5 febbraio le richieste della pena per ogni imputato. All’inizio gli accusati erano 81. Cozzolino ( che si è autoaccusato di molti reati)la moglie,Italia Belsole e altre tredici persone a cui è stato concesso il rito abbreviato vengono giudicate all’Aquila .La vicenda abbraccia un arco di dieci anni: attentati, epidosi violenti, minacce ,estorsione e traffico di droga. Traffici inquietanti dietro i quali ci sarebbe stata la camorra. Il processo è iniziato a febbraio 2015. Il Tribunale ha calendarizzato le udienze.

 

paolacalvano@vastoweb.com

Più informazioni su