vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Adolescenti costretti a rubare per pagare la droga, arrestato un quindicenne

Più informazioni su

VASTO. Stupore, incredulità e preoccupazione. Minori che ricattano minori e diventano aguzzini. E’ l’inquietante quadro che esce dalle indagini dei carabinieri. La cosa peggiore è scoprire che i furti sono legati allo spaccio e a farli sono dei ragazzini che devono pagare la dose di hascisc .Manette per il presunto complice di Ferdinando De Rosa (30 anni).

Il suo ruolo sarebbe stato quello di esattore. L’aspetto più inquietante è che lui stesso ha solo 15 anni. La sua identità è per questo coperta dal massimo riserbo. I carabinieri hanno scoperto che il presunto baby estorsore rintracciava le vittime sui social forum, le contattava e le obbligava a pagare. L’arresto è scattato ieri mattina. I carabinieri della stazione di Vasto hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare di permanenza in casa (una misura per chi non ha ancora compiuto 16 anni), emessa dal gip della Procura della Repubblica del Tribunale per i minori dell’Aquila. L’accusa è estorsione e spaccio di sostanze stupefacenti Il ragazzo in concorso con Ferdinando De Rosa in carcere da lunedi, sarebbe stato il vero e proprio intermediario ed esattore per conto del complice trentenne.”Era lui che contattava attraverso internet gli adolescenti ai quali De Rosa aveva ceduto a titolo falsamente gratuito le dosi di hascisc e poi esigeva il pagamento della droga”, annotano i carabinieri. Davanti alla difficoltà dei piccoli clienti l’estorsore minorenne pretendeva il pagamento delle dosi di gran lunga maggiorato. Eventualmente anche in oro.

I ragazzini intimoriti dalle minacce portavano via oggetti preziosi alle famiglie. Nel corso di una perquisizione domiciliare i militari hanno ritrovato un bilancino elettronico di precisione , un tirapugni,e una lama di coltello. Il materiale è stato sequestrato. Il presunto baby estorsore deve rimanere a disposizione dell’autorità giudiziaria minorile. I carabinieri tornano quindi a ribadire la particolare attenzione al fenomeno allarmante della diffusione della droga fra i giovanissimi.

paolacalvano@vastoweb.com

Più informazioni su