vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Investimenti sicuri? Ecco come muoversi!

Più informazioni su

VASTO. In questo periodo di crisi, che ormai dura da parecchio tempo, in cui scarseggia l’occupazione giovanile e molti lavoratori diventano disoccupati, parlare di investimenti può sembrare azzardato. Eppure l’argomento è molto importante per i piccoli risparmiatori che, come piccole formichine laboriose, riescono a destinare una parte delle proprie entrate agli investimenti, ponendo il proprio capitale al riparo dai rischi dell’inflazione e con la garanzia che si incrementi nel tempo.
Le leggi finanziarie sono imperscrutabili ai più e, in genere, il risparmiatore medio non possiede le informazioni specifiche ed indispensabili per fare una scelta oculata. Ecco perché è necessario rivolgersi ad una figura competente del settore, che sappia orientare opportunamente il risparmiatore.
Spesso il cliente si rivolge ad un funzionario di banca che rappresenta una figura di riferimento per destreggiarsi fra i numerosi prodotti bancari e postali offerti sotto forma di affari, anche quando tali non sono. D’altra parte il funzionario, come sappiamo, riceve un incentivo corrispondente alla quantità di prodotti venduti, magari quelli che al momento risultano prioritari da piazzare perché più convenienti, ovviamente agli Istituti bancari, non certo ai clienti!
Naturalmente ci sono le banche oneste che mirano ad istaurare con la clientela un rapporto di fiducia, basato sulla soddisfazione del cliente; fra queste banche non fanno eccezione quelle online, anzi. C’è da sapere infatti che il web ha contribuito molto nella scelta dei potenziali investitori, proprio grazie alla facilità nel reperire informazioni chiare e alle guide di approfondimento messe a disposizione dai vari istituti finanziari. Una delle banche online che fornisce questo tipo di servizio è Hello bank!, che all’interno del suo sito ha riservato una intera sezione proprio agli investimenti sicuri, con consigli specifici alle esigenze personali di ogni suo cliente, in modo da soddisfare le singole aspettative.
Il compito di un promotore finanziario onesto e responsabile è quello di orientare il cliente che chiede una consulenza, verso un investimento sicuro, in linea con il suo profilo finanziario. Anche perchè molto spesso gli stessi clienti non hanno la visione di quale perdita possono sopportare, illusi e abbagliati da ipotetici rendimenti elevati. L’azione dell’intermediario è quindi fondamentale per mantenere un giusto equilibrio fra la realtà economica del cliente e le prospettive di investimento sicuro da prospettargli.
In genere, i risparmiatori sono più propensi a fare investimenti sicuri, in modo da poter dormire tranquilli. Spesso si tende ad investire in prodotti a basso rischio che garantiscono un certo incremento a lungo o medio termine e comunque proteggono il capitale dall’inflazione. Il risparmiatore non tollera perdite neanche per brevissimi periodi, come può accadere acquistando prodotti ad alto rischio anche se possono comportare incrementi del capitale molto consistenti.
Anche nel 2016 i prodotti più appetibili risultano quelli con minore rischio e rendimenti bassi ma sicuri. In base all’andamento positivo degli anni precedenti, e quindi sul successo ottenuto, ai risparmiatori si consiglia di orientarsi verso le Obbligazioni di Cassa Depositi, i BFP e, in certe condizioni, sui libretti postali. Il risparmiatore o l’investitore che si accinge ad impegnare i propri risparmi, deve tenersi costantemente informato sull’andamento finanziario, tenendo presente che comunque risulta abbastanza promettente investire in Titoli di stato, Obbligazioni, Bot, oro, Conti Deposito, basta attenzionare bene su quale puntare.
Purtroppo può accadere che un Istituto bancario acquisti dei Titoli che poi risultano poco vantaggiosi e che, per non correre rischi, li proponga al cliente passando di mano “la patata bollente”! Per evitare investimenti disastrosi è meglio tenersi informati sull’andamento finanziario a livello internazionale e sulle mosse della Federal Reserve (Banca Centrale degli Stati Uniti) da cui dipende il rialzo degli interessi, che si ripercuotono sul mercato europeo. Allo stesso modo bisogna analizzare fino a che punto sarà influenzato il mercato italiano dagli interessi negativi che per la prima volta hanno colpito i risparmiatori nipponici nel gennaio scorso.

Più informazioni su