vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Laudazi: una legge regionale per rilanciare l'economia del vastese

Più informazioni su

VASTO. Il candidato sindaco per il “Nuovo Faro” Edmondo Laudazi propone per rilanciare l’economia del vastese una legge regionale.  “In questo particolare periodo della vita politica ed amministrativa  del nostro territorio  -spiega Laudazi- ho il desiderio di contribuire, con una proposta, che – se sostenuta dai nostri amministratori e dai nostri rappresentanti  al Consiglio Regionale e se accolta – potrebbe consentire un significativo rilancio della economia del vastese .
L’idea è quella di permettere la modifica delle destinazioni di uso degli opifici industriali e delle altre unità immobiliari esistenti all’interno del P.R.T. del Co.A.S.I.V del Vastese, per l’impianto di attività terziarie e direzionali.
In questo modo  sarebbe possibile ottenere :
–   la piena utilizzazione delle infrastrutture  e delle urbanizzazioni  esistenti nelle aree industriali  e la riconversione o il recupero dei manufatti  dismessi  o dove  sono esercitate attività in crisi, con il potenziamento di vecchie o l’impianto di nuove attività direzionali e/o terziarie;
–     Il progressivo disinquinamento produttivo delle aree ad elevata valenza paesaggistica o ambientale, quali sono quelle della Zona Industriale  di Porto di Vasto, salvaguardando  il tasso di occupazione lavorativa dei territori interessati e garantendo una migliore manutenzione degli ambienti insediati ;
–   la attestazione ed il riconoscimento della naturale vocazione terziaria, logistica e per il  commercio delle aree ubicate a cavallo della Strada Statale n. 16, in territorio di Vasto, per come si stanno consolidando, con la rimozione dei gravi ostacoli burocratici ed amministrativi frapposti da norme obsolete e superate dalla “economia reale” del territorio interessato;
–  lo sviluppo sia delle esistenti che delle nuove attività  commerciali con un prevedibile sostanzioso incremento delle possibilità occupazionali utilizzabili dai giovani del nostro territorio;
–  la riduzione delle aree previste per gli stessi servizi dalle irrealizzabili previsioni dei vigenti  Piani Urbanistici del nostro e di altri Comuni interessati, privi di infrastrutture e quindi non direttamente utilizzabili , con elevato risparmio di terreni.
A tale riguardo, mi permetto di fornire un semplice testo legislativo, senza ritenerlo perfetto e/o inemendabile, anche per dimostrare agli addetti ai lavori – oltre che ai semplici cittadini lettori – che spesso può essere aperto un sentiero innovativo, foriero di sviluppo, senza necessità di grandi investimenti economici o di polemiche, su cui confrontarsi per il migliore sviluppo del nostro territorio”.
 La proposta: Art. 1 Il mutamento della destinazione di uso degli opifici industriali e delle unità immobiliari esistenti all’interno della perimetrazione del P.R.T.  del Consorzio A.s.i. del Vastese , ed il rilascio delle autorizzazioni amministrative  per lo svolgimento della relativa attività direzionale, commerciale o  di vendita al dettaglio , anche al fine di  consentire l’impianto e l’avvio  di nuovi esercizi della media distribuzione commerciale non alimentare , sono contestualmente assentiti , di norma, nel semplice  rispetto dei parametri di insediabilità  di cui all’art. 1 , punti 37,38,39,40,41,42,43 della L.R.  n.11/2008 e s.m.i.,  degli indici edilizi previsti dal vigente P.R.T. e nei limiti della superficie massima di vendita prevista dall’art. 1 , punto 3 e) della medesima L.R. N. 11 /2008, per i singoli Comuni di insediamento .
Art.2 La presente legge entra in vigore il giorno della sua pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo.
E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Regione Abruzzo.
redazione@vastoweb.com
 
                                                                      

Più informazioni su