vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

I giovani incalzano i candidati sindaci di Vasto

Più informazioni su

VASTO. Ieri sera nel salone dell’Istituto dei Salesaini di via San Domenico Savio a Vasto, i cinque candidati a sindaco della città hanno partecipato ad un incontro organizzato dai giovani che frequentano l’Istituto, moderato dalla giornalista Paola Cerella. Ludovica Cieri, Massimo Desiati, Edmondo Laudazi, Francesco Menna e Massimiliano Montemurro a rotazione e disponendo tutti di circa un minuto e mezzo hanno risposto alle domande di  alcuni dei numerosi giovani presenti in sala. I candidati hanno quindi potuto esporre alcuni dei punti del programma elettorale in merito a temi come l’occupazione giovanile, il turismo e la sicurezza. 
Una volta eletti ha chiesto un giovane cosa farete di pratico per l’occupazione?
MASSIMO DESIATI: Non riesco ad immaginare i giovani fuori dal lavoro. Se si riesce a dar lavoro in genere, i primi a cui viene dato sono i giovani.
LUDOVICA CIERI: Contiamo molto sulla formazione. Proponiamo corsi di formazione turistica, ma anche l’agricoltura e l’enogastronomia. E’ appena partito il microcredito. E’ importante anche l’alternanza scuola lavoro che non viene ancora sfruttata abbastanza. 
FRANCESCO MENNA: Se dovessi fare il sindaco lancerei subito un’alleanza con i giovani facendo subito l’assessorato della pesca e dell’agricoltura e delle politiche comunitarie. 
MASSIMILIANO MONTEMURRO: Crediamo molto nei giovani. Abbiamo pensato di aprire un ufficio in cui un’idea imprenditoriale viene supportata concretamente per essere indirizzata ad un mercato di potenziali finanziatori. Per i giovani che vogliono aprire un’azienda, mettiamo a disposizione delle strutture, almeno per l’inizio.
EDMONDO LAUDAZI: Una risposta difficilissima. Vi assicuro che stimolerò e investirò ogni forza pubblica o privata per far uscire questa città dall’immobilismo degli ultimi venti anni. Vorrei favorire le imprese che creeranno lavoro. Laudazi inoltre ha sottolineato che vorrebbe eliminare l’anomalia della presenza del doppio Liceo Scientifico delle scienze applicate e della mancanza di un Istituto professionale. Sviluppo inoltre del programma di social housing per le categorie più bisognose.
A proposito di promozione e in che modo i giovani possono essere coinvolti i candidati hanno detto:
FRANCESCO MENNA: Non esiste il turismo, ma i turismi di cui questa città è dotata. Noi dobbiamo valorizzare il patrimonio che abbiamo attraverso i giovani e tutti quegli organismi che permettono di promuovere queste attività. Bisogna potenziare il turismo festivaliero. Per far turismo anche la qualità dell’aria e dell’ambiente è importante.
MASSIMILIANO MONTEMURRO: Ho pensato di fare un cartellone coinvolgendo le attività imprenditoriali. Una ricettività maggiore con la creazione di un albergo diffuso da gestire con una cooperativa di giovani. Nuova linfa vitale per Vasto.  Anche Montemurro ha sottolineato l’importanza della qualità dell’acqua. 
EDMONDO LAUDAZI: I giovani per migliorare la nostra città devono essere parte viva. Sono i giovani che fanno crescere la società e noi la nostra società la vogliamo far crescere.
MASSIMO DESIATI: Io non lo chiamo turismo come settore, ma promozione del territorio. Cosa occorre fare per promuovere i territori, aspetti gestionali del territorio. L’organizzazione turistica compresa quella che il Comune deve assicurare e il piano strategico del turismo che Vasto non ha.
LUDOVICA CIERI: Creare un ufficio del turismo, sviluppare la cultura dell’accoglienza. Lavorare sull’offerta turistica. Creare un vero portale. La finestra del mondo sulla città. Un cartellone per tutto l’anno. Turismo sociale: Vasto deve aprire le spiagge ai diversamente abili.
Altro punto molto sentito dai giovani intervenuti è stato quella della sicurezza in città.
MASSIMILIANO MONTEMURRO: Il Comune ha l’onere e il dovere di stare vicino alla cittadinanza. Vogliamo implementare il numero delle telecamere già installate e portarle a 572, concedendo degli sgravi fiscali sulla Tasi a tutti i negozianti che vorranno installare una telecamera. Stipulare assicurazione  per i residenti che subiranno furti e rapine e scippi. La compagnia assicurativa garantirà l’immediata assistenza per i danni provocati dai ladri. Attivazione del terzo turno dei Vigili urbani per avviare servizio nelle ore notturne. 
EDMONDO LAUDAZI: Azioni di controllo e vigilanza sono importanti. Creare una rete di grande solidarietà. Sarà istituito il vigile di quartiere, per esempio nelle zone più sensibili come San Paolo e Vasto Marina. C’è bisogno di chi presiede il territorio tutto il giorno. 
MASSIMO DESIATI: Ci sono dei comun denominatori nei programmi. Il problema esiste. Abbiamo un programma in dieci punti per la sicurezza. 
LUDOVICA CIERI: Bisogna assolutamente stabilire un dialogo con il prefetto e un tavolo stabile della sicurezza. Vogliamo che i territorio sia monitorato. Censire tutti coloro che entrano a Vasto. Vogliamo attenzionare quelle realtà che ci creano preoccupazione. Inserire nel piano della sicurezza i cittadini.
FRANCESCO MENNA: Quattro ordinanze contingibili e urgenti. Il patto della sicurezza, il sistema della videosorveglianza, il patto e l’accordo con le forze dell’ordine in pensione. Difesa del Tribunale di Vasto, importante e prezioso per il territorio. 
paoladadamo@vastoweb.com

Più informazioni su