vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Esami di stato: come si preparano i giovani vastesi?

Più informazioni su

VASTO. Mancano pochi giorni alla chiusura delle scuole e presto moltissimi giovani si troveranno ad affrontare la loro prima grande prova: gli esami stato. Una tappa imprescindibile, un traguardo importante che segna la fine di una fase di vita e l’inizio di un tempo tutto nuovo. Abbiamo pesato di intervistare alcuni ragazzi di Vasto provenienti da diverse scuole, per vedere in che modo si stanno preparando ad affrontare la maturità, quali sono le loro preoccupazioni e quale materia sarà oggetto della temuta seconda prova.

Marta, studentessa del Liceo Linguistico “Pantini-Pudente”, ci dice: “La mia seconda prova sarà di spagnolo. Io mi sto dedicando al ripasso di alcuni programmi, sia da sola che in classe, ma rimangono ancora molte materie da rivedere. Le mie preoccupazioni principali sono sopratutto emotive, temo gli scherzi che potrebbe provocarmi l’ansia. Spero che andrà tutto bene e che riuscirò a dare conferma di tutto l’impegno e di tutta la costanza che ho potuto dimostrare durante questi anni”.

Andriy, studente dell’Istituto Tecnico Industriale “E. Mattei”, ci dice: “La mia seconda prova consiste in Sistemi e Reti, una materia che è uscita per la prima volta dopo la riforma. Sulla mia preparazione posso dire che quello che doveva essere fatto l’anno è stato fatto, quindi ora mi dedico al ripasso del programma del quinto e ad approfondire qualcosa .Ciò che mi spaventa di più è proprio la seconda prova perché, appunto, essendo un esame “nuovo” nessuno ha molto chiaro cosa ci chiederanno di fare”.

Federica, studentessa dell’Istituto Alberghiero di Villa Santa Maria, ci dice: “La mia seconda prova si baserà su una materia chiamata Scienza dell’alimentazione e consisterà nel rispondere a delle domande formando un tema. Mi sto preparando con l’aiuto dei miei professori, ma anche utilizzando libri e rete internet. Ciò che mi spaventa di più è la presenza di altri professori “esterni” che sicuramente mi faranno sentire a disagio, poiché io sono molto timida.”

Come loro tantissimi altri ragazzi che in queste ore e nei prossimi giorni dovranno dimenarsi fra libri, tesine e attacchi d’ansia. Il nostro grandissimo in bocca al lupo a tutti i giovani, con l’augurio di una brillante conclusione del proprio percorso scolastico.

Più informazioni su