vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Unione per Vasto: “No all’attivazione del servizio H24 nelle sale operatorie”

Più informazioni su

VASTO. Conferenza stampa stamani dei candidati di Unione per Vasto dinanzi all’ospedale San Pio. Oggetto della conversazione e di un successivo volantinaggio l’attivazione del servizio H24 nelle sale operatorie. Giuseppe Tagliente e la dottoressa Ornella Bastonno hanno spiegato le ragioni della loro contrarietà ed espresso il timore che questa disposizione, non accompagnata dall’aumento dell’organico di medici e soprattutto di infermieri, possa provocare una diminuzione e non un aumento delle prestazioni. Al termine dell’incontro è stato distribuito il seguente comunicato stampa che racchiude in sintesi le motivazioni alla base della protesta.
 “Parte da oggi, 1 giugno 2016, il servizio H 24 nelle sale operatorie con l’obbligo di turnazione nelle sale operatorie del personale in presenza e non soltanto in reperibilità. La decisione, seppur condivisibile sul piano teorico, rischia tuttavia di rompere la già precaria situazione organizzativa del nosocomio vastese per mancanza di personale medico e soprattutto infermieristico. Senza essere stato preceduto da un aumento dell’organico, questo servizio, anche per effetto delle turnazioni di riposo e delle ferie estive, finirà per ottenere l’effetto opposto a quello prefisso, e cioè una drastica riduzione degli interventi chirurgici e degli interventi di ortopedia, urologia, otorinolaringoiatria,oculistica, e come effetto collaterale l’allungamento delle liste d’attesa a tutto vantaggio degli ospedali di Lanciano e Chieti, dove invece il personale è addirittura in esubero. È questo il primo passo verso il declassamento definitivo dell’ospedale vastese?
Unione per Vasto protesta per questa assurda decisione, nemmeno partecipata e condivisa con gli operatori della sanita’ ed intende denunciarne il rischio conseguente d’ una ulteriore penalizzazione dell’ospedale.

Vastesi, la politica sanitaria di D’Alfonso e Paolucci ( di cui il candidato sindaco Francesco Menna è il manutengolo a mezzo servizio con il proconsole sansalvese Antonio Boschetti ) sta mostrando tutta la sua portata demagogica ed insufficienza, in quanto alle parole ed alle promesse fa purtroppo riscontro la drammatica realtà di una struttura sanitaria ove, nonostante l’impegno e la buona volontà di medici ed operatori, permangono insufficienze e lacune gravi sia sotto il profilo dell’ accoglienza sia sotto il profilo dell’assistenza ai malati e ove urge tra l’altro il potenziamento della Cardiologia che ormai effettua soltanto trasferimenti di infartuati in direzione di Chieti e Pescara;  l’attivazione della promessa Emodinamica; il potenziamento del Pronto Soccorso;  l’attivazione di una Guardia Medica Attiva di Pediatria per mettere in sicurezza i neonati; l’installazione di una seconda Tac, in quanto l’unica esistente non riesce a soddisfare la crescente richiesta;  la creazione di una unità di urgenza (Stoke Unit) per la cura delle ischemie cerebrali”.

Così, in una nota stampa, la lista Unione per Vasto.

Più informazioni su