vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Ballottaggio: oggi i vastesi alle urne per votare il nuovo sindaco

Più informazioni su

VASTO. Urne aperte fino alle 23. Oggi i vastesi sono nuovamente chiamati alle urne per il turno di ballottaggio, nel quale dovranno scegliere chi sarà il sindaco della città per i prossimi cinque anni. In corsa ci sono Massimo Desiati il candidato della coalizione di centrodestra e Francesco Menna per la coalizione di centrosinistra..

Al primo turno Desiati  ha raggiunto il 34,28% dei voti (8426 in totale), mentre Menna è arrivato a quota 33,31% (8188).

Le urne saranno aperte dalle 7 alle 23. La scheda che sarà consegnata agli elettori porta i nomi e i cognomi dei candidati, scritti dentro uno specifico rettangolo, al di sotto del quale sono riportati i contrassegni delle liste con cui il candidato è collegato. Per votare sarà necessario presentarsi al seggio con la tessera elettorale e la carta d’identità, oppure con un altro documento di identificazione, munito di fotografia, rilasciato dalla Pubblica Amministrazione (patente, passaporto, libretto di pensione, tessera di riconoscimento rilasciata da un ordine professionale, tessera di riconoscimento rilasciata dall’Unione nazionale ufficiali in congedo d’Italia, purché convalidata da un comando militare).

Nel caso in cui la tessera elettorale non sia stata consegnata al proprio domicilio, sia stata smarrita o sia deteriorata, e nel caso in cui abbia esaurito tutti gli spazi, occorre rinnovarla presentandosi all’Ufficio Elettorale in Municipio che oggi sarà aperto fino alle 23.

Come di vota.. Bisogna tracciare un segno sul rettangolo entro il quale è scritto il nome del candidato sindaco prescelto. Il voto per il candidato sindaco è valido anche quando l’espressione del voto è stata apposta solo sul contrassegno di una delle lista collegate e anche in presenza di più segni di voto apposti sul nominativo del candidato e/o su uno o più simboli di liste collegate. Al ballottaggio non è possibile fare il voto disgiunto – cioè votare per un candidato alla carica di sindaco e, contemporaneamente, per una lista non collegata a quel candidato a sindaco – e, inoltre, non si possono esprimere preferenze per nominativi di candidati alla carica di consigliere comunale, pena l’annullamento del voto.

Più informazioni su