vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

San Salvo, un successo la III edizione del Festival Alternativo sull’Uso Sociale delle Arti

Più informazioni su

SAN SALVO. Centosessanta ragazzi e più, provenienti dall’Italia, dalla Slovacchia, dall’Irlanda e dalla Spagna a San Salvo per rendere più frizzante la città attraverso la musica per il Festival Alternativo sull’Uso Sociale delle Arti.

L’Associazione di promozione sociale “Orchestra Giovanile Musica In Crescendo” in collaborazione con il Comune di San Salvo e con i Comuni della Valle del Trigno realizza il festival attraverso il quale affermare il valore universale della musica e delle arti, quali fattori di integrazione sociale e di sviluppo personale.

Questa mattina nel plesso scolastico di via Verdi il sindaco Tiziana Magnacca, gli assessori alla Cultura e alle Politiche sociali Giovanni Artese e Maria Travaglini, hanno presentato la terza edizione del festival dal titolo: “Music inclusion: Con-fini Sconfinati”.

Il sindaco ha evidenziato come per San Salvo sia un onore oltre che una grande occasione di festa ospitare giovani musicisti provenienti da diversi paesi d’Europa «per un evento nel campo delle politiche giovanili in un momento nel quale spirano venti che mettono in discussione l’Unione europea. Un’occasione per fare con la musica promozione giovanile, aggregazione e inclusione sociale e nel contempo promuovere la città in chiave turistica».

Manifestazione che si avvale del contributo comunale e del sostegno degli sponsor privati. Un ringraziamento particolare alle famiglie che ospitano i ragazzi, alla dirigente dell’Istituto comprensivo n. 2, Anna Orsatti, per aver messo a disposizione i locali scolastici per consentire le prove dei musicisti.

«Un momento importante per la Città – ha commentato l’assessore Travaglini – perché ancora una volta abbiamo investito sui giovani per diventare con la musica un punto di riferimento per favorire lo scambio tra culture e popoli diversi». Le ha fatto eco l’assessore Artese che ha evidenziato come «siamo convinti del valore culturale di questo festival perché possa diventare un appuntamento fisso annuale per San Salvo che ci consente di valorizzare l’impegno dei ragazzi locali che coltivano questa sin dalle scuole medie».

«La musica non guarda di che colore hai la pelle o da dove vieni, la musica parla a tutti e coinvolge tutti perché la musica da sempre è il linguaggio universale» ha invece dichiarato per l’Associazione Musica in Crescendo Maria Aurelia Del Casale.

Le realtà coinvolte quest’anno sono l’Orquesta Promùsica dalla Spagna, la County Wexford School of Music dall’Irlanda e il Coro Melodar dalla Slovacchia, oltre numerosissimi ragazzi italiani del territorio e delle diverse città d’Italia. La sua realizzazione è stata possibile anche grazie alla collaborazione con i conservatori “L. D’Annunzio” di Pescara, “U. Giordano” di Foggia e capofila “C.G. Da Venosa” di Potenza con il coordinamento del maestro Simone Genuini, docente di esercitazione orchestrale.

Guarda fotogallery:

 

 

Più informazioni su