vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Rapina al multipiano: condannato a 6 anni e mezzo il secondo uomo coinvolto

Più informazioni su

VASTO. Si è concluso il processo relativo alla rapina aggravata compiuta il 17 marzo 2015 ai danni del direttore del supermercato “Todis” presso il parcheggio “multipiano”  in Corso Garibaldi a Vasto. I magistrati: Bruno Giangiacomo, Stefania Izzi e Italo Radoccia, del collegio giudicante, hanno condannato Sante Bevilacqua, accusato di  essere stato il basista del colpo,  a sei anni e sei mesi. E’ stato il Procuratore della Repubblica in persona, il Dott. Giampiero Di Florio a sostenere l’accusa.

Il FATTO: il 17 marzo, intorno alle 21.10 circa, due individui, appostati dietro un muro ubicato in Corso Garibaldi di Vasto, aggredirono, con calci e pugni, il direttore del supermercato mentre stava uscendo a piedi dal parcheggio “multipiano”.

Al direttore fu portata via una borsa in pelle contenente la somma di circa 9mila euro. Subito dopo la rapina i due malviventi fecero perdere le loro tracce fuggendo a piedi all’interno del “multipiano” in direzione di via Foscolo.

I carabinieri, dopo aver acquisito le immagini del sistema di videosorveglianza presente nella struttura riuscirono ad identificare uno dei due malviventi  già noto ai militari per delitti contro il patrimonio.

L’interessato, però, all’indomani della rapina, si rese volontariamente “irreperibile” rientrando, con ogni probabilità, in Romania. Nel frattempo, le investigazioni hanno permesso di identificare il secondo rapinatore, Vali Cristea, il primo ad essere arrestato.

Attraverso precise indagini tecniche, ed in particolare monitorando una utenza mobile rumena, i carabinieri  sono riusciti a stabilire che Cristea, domiciliato nell’hinterland di Roma, il giorno della rapina si trovava proprio a Vasto.

Dopo aver confrontato, con esito positivo, le immagini acquisite dalla video sorveglianza con il cartellino fotosegnaletico del rumeno, ed a seguito di perquisizione locale e personale a carico di quest’ultimo, i militari hanno sequestrato anche l’abbigliamento che l’indagato indossava al momento della rapina. A questo punto, verificato il quadro complessivo degli elementi acquisiti dai carabinieri, la Procura della Repubblica di Vasto, il  pm Enrica Medori, ha richiesto e ottenuto dal gip presso il Tribunale le due misure restrittive. Vali Cristea, dopo l’arresto, è stato portato in carcere.

Cristea è accusato di concorso in rapina unitamente al suo connazionale che è attualmente ricercato.

Più informazioni su