vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

SIA, fino a 400 euro per aiutare le famiglie con difficoltà economiche

Più informazioni su

VASTO. Si è tenuta questa mattina presso la Pinacoteca di Palazzo D’Avalos la presentazione della nuova misura di contrasto all’emarginazione sociale, intitolata Sostegno all’Inclusione Attiva (SIA). Si tratta di un sostegno economico fino ai 400 euro che verrà elargito alle famiglie che versano in uno stato di povertà disponendo di un reddito annuale inferiore ai 3.000 euro.
A rompere il ghiaccio è stato il  presidente dell’Anci Abruzzo, Luciano Lapenna e a seguire la parola è passata al Sindaco Francesco Menna che ha sottolineato l’importanza di questa misura che mira a combattere le situazioni di estrema indigenza in cui si trovano a vivere molte famiglie del Vastese.
La SIA non si presenta come la soluzione a tutti i problemi di emarginazione sociale della nostra regione – spiega poi l’Assessore alle Politiche Sociali della Regione Abruzzo Marinella Scioccoma vuole invece essere un tassello di un ulteriore ampio percorso che stiamo mettendo in atto per aiutare le famiglie in difficoltà. Questo aiuto mira non solo al risollevamento economico di un nucleo familiare, ma anche alla reintegrazione in società dello stesso, dal momento che le famiglie dovranno poi iniziare un percorso di riattivazione sociale insieme alle figure professionali indicate, arrivando alla consapevolezza che da soli si può ricominciare.”
A spiegare poi nel dettaglio chi potrà beneficiare di questo aiuto economico è stato il Direttore provinciale dell’ INPS Alessandro RomanoI soggetti che avranno diritto al sostegno economico sono coloro che presenteranno un modulo ISEE (necessariamente aggiornato) inferiore ai tremila euro avendo a carico figli minorenni, oppure disabili o donne in gravidanza. I criteri per la valutazione del bisogno variano poi in base ad altri requisiti, ad esempio in base al numero dei minori a carico, in base alla condizione economica e lavorativa. (Ad esempio, se un soggetto da la sua disponibilità a lavorare qualora venisse chiamato a farlo, le possibilità di poter beneficiare della SIA aumentano). Il sostegno economico ha validità di un anno e se le condizioni familiari mutano (nascite, decessi, assunzioni, matrimoni ecc.) naturalmente bisognerà farlo presente all’INPS.
E’ necessario poi essere cittadino italiano o comunitario titolare del diritto di soggiorno permanente o in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo; occorre poi essere residente in Italia da almeno 2 anni.
Per poter beneficiare del SIA è necessario non essere titolari di altri trattamenti provvidenziali o assistenziali superiori ai 600 euro mensili e non essere titolari di NASPI, ADSI e di altri sistemi per la disoccupazione. Non bisogna inoltre essere proprietari di beni durevoli di valore (autoveicoli immatricolati la prima volta nei 12 mesi antecedenti la domanda oppure autoveicoli di cilindrata superiore a 1.300 cc o motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc immatricolati nei tre anni antecedenti la domanda).​ Il beneficio economico verrà erogato entro due mesi dalla richiesta ​attraverso una Carta di pagamento elettronica (Carta SIA). La domanda deve inizialmente essere presentata al comune della propria città e successivamente verrà inoltrata all’INPS. Per l’anno 2016 sono stati stanziati 17 milioni e 628 mila euro di fondi per la Regione Abruzzo.

Guarda la fotogallery:

Più informazioni su