vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Rinnovata la piscina di San Salvo, martedì la riapertura

Più informazioni su

SAN SALVO. Lo Sport Village di San Salvo si prepara a vivere la terza tappa del suo cammino che, una volta concluso, trasformerà e riqualificherà il quartiere che insiste in via Pio IX. Dopo la realizzazione del campo di calcetto e pista di atletica nell’area dell’ex pista di pattinaggio, dopo aver inaugurato il campo polifunzionale di tennis, basket e pallavolo, ora è arrivato il momento del taglio del nastro per i nuovi spogliatoi a servizio della piscina e del debutto assoluto di un bar gastronomico. L’appuntamento è per martedì 13 settembre alle ore 11.00.

«Con grande soddisfazione abbiamo raggiunto il terzo dei sei step per la costruzione della Cittadella dello Sport» afferma il sindaco di San Salvo Tiziana Magnacca e aggiunge: «Plaudo all’operatività e capacità della Cooperativa Mille Sport di aver saputo portare avanti con regolarità il cronoprogramma di questo progetto eseguito in project financing. Partendo dal nucleo centrale della piscina comunale si stanno riqualificando tutti gli spazi attigui con nuove strutture sportive che vedranno anche la costruzione di un beauty center e di una nuova palestra a due piani».

Interventi di riqualificazione risultato dell’intesa tra gli assessorati allo Sport Angiolino Chiacchia e ai Lavori Pubblici Giancarlo Lippis.

Martedì si procederà all’apertura degli spogliatoi che passeranno dagli attuali due a quattro con distinzione tra adulti e bambini e il bar gastronomico con annessa cucina cui farà seguito nei giorni 13, 14 e 15 di “Open days” per conoscere gratuitamente i nuovi servizi e l’impianto rinnovato.

La Cooperativa Mille Sport, presieduta da Gianmichele Fidelibus, gestisce da anni la piscina comunale. Le opere in fase di realizzazione sono eseguite dalla Ditta De Cinque Services srl di San Salvo.

Intervento di questo tipo realizzato per la prima volta a San Salvo e che non è costato alcun euro alle tasche dei cittadini pur restando l’impianto di natura pubblica.

 

Più informazioni su