vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Laudazi: “L’emodinamica a Vasto si deve fare, trovate il sistema”

Più informazioni su

VASTO. Il primo a prendere la parola ieri sera nel Consiglio Comunale straordinario sulla Sanità è stato l’esponente de “Il Faro” Edmondo Laudazi. L’ingegnere dai banchi dell’opposizione ha fatto notare l’assenza del Presidente della V Commissione, Mario Olivieri.

“Non è venuto- ha detto Laudazi- perché non è stato invitato”. Immediata la replica del Presidente del Consiglio Comunale Giuseppe Forte “E’ stato invitato il 2 settembre”. Si è scoperto poi che è stato utilizzato un vecchio indirizzo di posta elettronica.

In realtà l’assenza del consigliere regionale Mario Olivieri, che ha sempre dimostrato grande sensibilità a questi incontri, deriva dalla volontà di voler manifestare il forte dissenso con la politica regionale.

“Non ci potete raccontare la barzelletta dell’uscita dal Commissariamento. Vasto e il Vastese –ha aggiunto Laudazi- hanno perso ormai da anni considerazione  da parte delle istituzioni sovracomunali con il risultato di vedere molte realtà impoverite dalla scomparsa di strutture presenti in precedenza come sedi Asl, consorzio industriale. Situazione addebitata alla debolezza e alle scarse incisività ed efficacia dell’azione politica locale a tutela del nostro territorio.  In questi anni l’organizzazione della sanità ospedaliera di Vasto e del Vastese  si sono andate continuamente impoverendo riducendo ad oggi il numero delle unità operative Complesse dell’ospedale “San Pio”, dalle 20 precedenti alle attuali 12 previste dal recente Piano di riorganizzazione ospedaliera e il numero complessivo dei posti letto dai circa 250 precedenti ai 225 previsti. Verificato inoltre che a tale riguardo che il piano commissariale prevede un numero di posti letto pari a 3,5 ogni mille abitanti, attribuiti 315 considerando i 90mila abitanti del territorio vastese. Viene dedotto invece che i circa 100 posti del nostro territorio sono stati utilizzati in altre aree della nostra Provincia.

Emodinamica: diciamo le cose come stanno. L’emodinamica a Vasto si deve fare, trovate il sistema. E a proposito di Geriatria Laudazi –ha dichiarato- vi dovete togliere dalla testa che si possa chiudere quel reparto”.

L’ingegnere vastese ha inoltre affrontato la questione del nuovo ospedale. “Dal 1999 è stato realizzato un progetto di massima del nuovo ospedale di Vasto. Oggi nonostante sia stato già acquistato il terreno non si riesce ancora a definire lo stato dell’arte di questa opera”.

A rispondere al consigliere comunale Laudazi è stato il sindaco di Vasto, Francesco Menna, che ha ricordato il Consiglio comunale del 15 dicembre 2014, durante il quale furono presi alcuni impegni. “Quel consiglio –ha detto Menna- si concluse con l’impegno di D’Alfonso e Paolucci ad aprire la lungodegenza, punto nascita e autorizzazione alla trombolisi e potenziamento della sanità nel territorio. La lungodegenza è stata aperta, 16 posti letto. Attivata la trombolisi dell’ictus garantita attraverso il reparto di neurologia. Per il nuovo ospedale non ci possono essere dubbi. La scelta di colle Pizzuto è strategica per unire il territorio.

Più informazioni su