vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Sanità, per la maggioranza l’intervento in Consiglio comunale di Lucia Perilli

Più informazioni su

VASTO. Per il centrosinistra allo scorso consiglio comunale straordinario sulla sanità c’è stato un solo intervento quello della consigliere Lucia Perilli di “Città virtuosa”.

“Sento il bisogno di manifestare con grande orgoglio -ha detto Lucia Perilli– la possibilità di poter finalmente dare voce alla situazione sanitaria che mi vede coinvolta in prima linea, da quasi un ventennio, pur non tralasciando gli altri impegni che mi competono come Consigliere di una maggioranza che e’ stata chiamata dagli elettori vastesi a governare.

Il mio ruolo,  in questo consiglio, è estremamente delicato dovendo contestualmente rivestire una doppia funzione: quella appunto di Consigliere, e quella di Dirigente medico.

Da libera cittadina e da dipendente sanitaria mi sono sempre chiesta “in che modo e se la politica” dovesse interessarsi di problematiche così delicate e complesse che riguardano tutti.

Con l’esperienza che ho maturato in tutti questi anni lavorativi, posso dire di avere le idee più chiare e, di certo di non condividere questo approccio  nell’affrontare i problemi sanitari.

Oggi da Consigliere e Medico voglio fare fino in fondo la mia parte affinché, anche qui da noi, non si pregiudichi  “il diritto alla salute che e’ costituzionalmente garantito”

Nella mia esperienza quotidiana, ho purtroppo personalmente constatato che spesso la richiesta dell’esame non ha quella precisa indicazione clinica tale da rendere necessario l’esame stesso, esame che ovviamente una volta richiesto andrà inevitabilmente ad intasare ulteriormente le liste di attesa.

Di chi è la colpa? del solo medico prescrittore?

A questo punto non posso non menzionare ad esempio,  la modalita’ con cui è stata diffusa  “la notizia della eventuale chiusura della geriatria”. In primis la Geriatria, vi informo, che è ancora attiva. In secondo luogo, nella riorganizzazione sanitaria si vorrebbe creare, se ho ben capito, un  afo-medica tale da includere i settori di medicina interna, tra cui appunto la geriatria con la Medicina ambedue branche  internistiche, ed entrambi reparti che accettano pazienti acuti o cronici  riacutizzati.

Altra cosa è la Lungodegenza, appendice non solo della  medicina o geriatria ma di tutti i  reparti che hanno necessità, una volta stabilizzato il paziente, di completare magari un percorso riabilitativo intrapreso in Reparto in attesa di trasferire il paziente stesso in altra struttura magari sul territorio.

Quale potrebbe essere il nostro ruolo quali rappresentanti politici dei cittadini? Potrei suggerire uno studio retrospettivo  atto a verificare se, ad esempio, tutte le richieste per esami radiologici o altro, abbiano indicazione clinica adegua creare una rete capillare dove si incrociano diverse figure mediche e rappresentanti politici, incontri finalizzati a discutere, a far emergere le svariate complessità dei casi clinici che si trattano. Nefrologia: su questo punto preferirei poco soffermarmi essendo la nefrologia  unità operativa semplice a me affidata. Oggi voglio solo aprire una breve parentesi per ringraziare pubblicamente, non solo a nome mio, del dott. Di Paolo, e di tutto il personale ma soprattutto a nome dei circa 50 pazienti emodializzati e famiglie, ai  quali, anche quest’anno, pur in presenza di oggettive ed innumerevoli difficoltà, siamo riusciti ad offrire ospitalità, in 3° turno aggiuntivo di dialisi serale, permettendo loro di poter, come oramai avviene da moltissimi anni, trascorrere un periodo di vacanza a Vasto..

Il no al documento del collega Laudazi -ha conclusa la rappresentante della maggioranza- documento che, se da un punto di vista prettamente professionale – da medico- potrei anche condividere alcune parti del suo contenuto, non ne posso condividere la modalità con cui si vuole affrontare l’intera problematica sanitaria. La sanità è un sistema complesso dove è dovere di ognuno assumersi le proprie responsabilità”.

 

Più informazioni su