vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Civeta, inaugurata nuova discarica e viabilità della Fondo Valle Cena

Più informazioni su

CUPELLO. Doppia inaugurazione questa mattina a Cupello: nuova viabilità della Fondo Valle Cena e della nuova discarica di servizio agli impianti del Consorzio Intercomunale Civeta. Alla manifestazione hanno preso parte tra gli altri: il Commissario regionale Franco Gerardini, il vice sindaco di Vasto Paola Cianci, il presidente del Consiglio comunale di Vasto Giuseppe Forte, il primo cittadino di San Salvo Tiziana Magnacca e alcuni sindaci del Vastese. 

La discarica è stata realizzata con la modalità della concessione di lavori pubblici ed è destinata ad accogliere gli scarti non riciclabili prodotti dagli impianti di trattamento del Polo Tecnologico e da altri impianti operanti nella nostra regione. Realizzata nel 2015 è classificata come discarica per rifiuti non pericolosi ed è suddivisa in tre lotti per una capacità complessiva di 450.00 metri cubi. Nella vasca saranno conferiti i sovvalli provenienti dalle fasi di selezione meccanica secco-umido dell’impianto TMB.  Sarà inoltre dotato di un impianto di captazione e recupero del biogas con produzione di energia elettrica.

“Oggi – ha detto il presidente della Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso arrivato alla cerimonia con oltre un’ora  di ritardo dalla vicina Casalanguida– è San Gennaro, un santo che ricorda che se ci si applica tutto è possibile. Voi avete dimostrato questo. Siamo davanti ad un fatto straordinario perché viene inaugurato un tratto di viabilità. Per una volta la combinazione pubblico- privato dà luogo ad un lavoro pulito e non fa lavorare gli avvocati penalisti.  Dopo aver fronteggiato alcun grandi partite per l’Abruzzo: uscita dal Commissariamento, Master plan dobbiamo continuare ad investire ed innovare. Non ci devono voler i lobbisti”.

“Una discarica 30 anni fa – ha detto il sindaco di Cupello Manuele Marcovecchio– diventata oggi un Polo Tecnologico”. Il sindaco ha voluto ricordare che sono state tante in questi anni le persone che hanno lavorato alla realizzazione di questo grande gioco di squadra, ed ha ricordato l’ex sindaci di Cupello Panfilo Di Silvio, prematuramente scomparso.

“Il traguardo che oggi raggiungiamo –ha proseguito l’ingegnere Luigi Sammartino è importante”.  Nel 1997 un’avventura che è stata iniziata con l’avvocato Di Silvio. La nuova discarica è stata realizzata  adottando tutti i requisiti necessari  alla salvaguardia delle matrici ambientali interessate. In linea  con la Direttiva comunitaria 1991/31/CE.

Rocco Bonassisa di Cupello Ambiente ha aggiunto: “Oggi la strada, per l’intero tratto di oltre 6 km è totalmente fruibile dai cittadini, dagli agricoltori e dai conferitori di rifiuti all’impianto di Valle Cena. Oltre ad essere un’infrastruttura di pubblica utilità per il territorio, quale asse di penetrazione dalla costa alle aree interne collinari del comprensorio vastese, risulta essere l’unico accesso viario al polo tecnologico di gestione rifiuti del consorzio Civeta. Il completo ripristino della viabilità assicurerà all’utenza minori costi di manutenzione degli automezzi e sostanziali risparmi economici per via della riduzione dei tempi di trasporto dei rifiuti dai luoghi di produzione all’impianto di destinazione finale. L’investimento iniziale per la realizzazione della discarica è stato posto a totale carico della società concessionaria Cupello Ambiente a sua volta rappresentata dalle società costituenti l’Ati che ha partecipato alla gara d’appalto: la Agecos e la Riccoboni. E’ questo un esempio di programmazione intelligente di opere di pubblica utilità, in linea con le ultime direttive europee”.

Il Commissario del Consorzio di Bonifica sud di Vasto, Rodolfo Mastrangelo ha ricordato che il tratto di viabilità inaugurata è stata costruita da Emilio Mattucci, primo presidente d’Abruzzo. Oggi così ristrutturata e ammodernata per un percorso alternativo. “Con 500 mila euro –ha detto Mastrangelo abbiamo fatto un buon lavoro. Il cittadino di Casalbordino ora guadagnerà trenta minuti per raggiungere la Trignina”.

Don Nicola Florio parroco di Cupello ha ricordato che alle tradizionali opere di misericordia corporali e spirituali, Papa Francesco ne ha aggiunta un’ottava: la cura della casa comune. Lo ha fatto nel messaggio per la giornata mondiale di preghiera per la cura del creato, celebrata il 1° settembre. Raccogliendo i punti fondamentali dell’enciclica Laudato si’, il Pontefice ha rivolto un pressante invito a ogni persona che abita questo pianeta, sollecitando tutti ad ascoltare «tanto il grido della terra quanto il grido dei poveri» e a fare un serio esame di coscienza riguardo al nostro modo di vivere il mondo che abitiamo. “Mi auguro che quello che stiamo inaugurando –ha concluso don Nicola– sia un segno di attenzione al mondo creato”.

Guarda la fotogallery:

 

Più informazioni su