vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Sette ragazzi delle Paolucci dal 2 ottobre in Lituania per il Progetto Erasmus plus

Più informazioni su

 VASTO. L’anno scolastico è appena iniziato, ma per 7 ragazzi della scuola media Paolucci del Comprensivo n.1di Vasto, dal 2 al 8 ottobre 2016 ci sarà una bella vacanza studio, completamente gratuita, in Lituania, nell’ambito del progetto Erasmus plus  nel quadro del Progetto: “Key to the Future: Durable Knowledge and Innovative Methods”  (Competenze chiave per il futuro: conoscenza duratura e metodi di insegnamento innovativi).
I ragazzi accompagnati dal Dirigente Scolastico : Prof.ssa Sandra Di Gregorio, dal Prof. Maurizio di Cintio, dall’Ins. Elisabetta Gallo e dall’Ins. Federica D’Adamo, si recheranno a Klaipeda, sulla costa del Mar Baltico, presso Agluonenai Basic School, insieme ad altri studenti e docenti delle nazioni partner del progetto: Turchia, Polonia, Inghilterra e Lituania.
La finalità di questo terzo viaggio, dopo quello a Londra, in Polonia e a Vasto è quello di promuovere le buone pratiche secondo le teorie dell’architetto-pedagogista Prakash Sen, anche al fine di superare problematiche nel campo delle competenze trasversali; incoraggiare lo sviluppo di una coscienza europea e delle c.d. Soft Skills e l’apprendimento cooperativo, per gruppi di progetto,  classi aperte, ecc.
Il viaggio in Lituania prevederà tante attività a scuola, tra le quali anche lezioni di lituano, tanti laboratori, giochi educativi,  visite nei centri più importanti della zona: l’antica città di KlaipedaPalanga,  Vilnius, il Castello dell’isola di Trakai e  Kernavė .
Il progetto Erasmus che vede il Comprensivo n.1 di Vasto come  l‘unica scuola italiana, si concluderà nel 2017 con un incontro a Londra per fare il punto della situazione sulle buone pratiche scolastiche studiate durante il progetto.
 La preside del Comprensivo n.1 di Vasto, prof.ssa Sandra Di Gregorio sottolinea come questo viaggio sarà un momento importante per gli alunni coinvolti, che potranno confrontarsi con i coetanei europei , comprendere l‘importanza della lingua inglese ed essere coinvolti in attività formative importanti. 

Più informazioni su