vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Pendolari da Termoli a Chieti Scalo chiedono variazione orari treni

Più informazioni su

VASTO. Un gruppo di pendolari che ogni giorno utilizzano i treni da Termoli a Chieti Scalo per motivi di lavoro e di studio ha indirizzato una lettera aperta all’Assessorato alla Mobilità della Regione Abruzzo ed alla Direzione Regionale Abruzzo di Trenitalia di Via E. Ferrari n. 1 a Pescara. Vien chiesto un incontro per discutere della funzionalità della nuova fermata di Madonna delle Piane sulla linea Pescara – Chieti- Sulmona. Avezzano – Roma “destinata principalmente agli studenti e agli utenti e dipendenti dell’Università degli Studi “G. d’Annunzio” e dell’Ospedale di Chieti, con particolare riferimento al treno n. 3186, proveniente da Termoli che non assicura più la coincidenza con il treno 3181 diretto a Chieti – Madonna delle Piane. Fermata inaugurata con grande solennità, il 13 giugno 2016, dal presidente della Giunta regionale Luciano D’Alfonso, dal Sindaco di Chieti Umberto Di Primio e dal direttore Trenitalia di Ancona Stefano Morellina, non seguita, a distanza di quattro mesi, a far data del 3 ottobre, da altrettanta rispondenza alle reali esigenze di viaggiatori e pendolari. In particolare la sostituzione di un autobus che allunga i tempi di almeno 20 minuti, al posto del treno (appena 5 minuti) per Madonna delle Piane, assurda soluzione dopo aver speso 800.000 euro per realizzare la nuova stazione e sottopasso a Madonna delle Piane.

 

Ecco cosa chiedono i firmatari del Molise e dell’Abruzzo della lettera aperta: “1. un collegamento funzionale alle esigenze dei lavoratori e degli studenti pendolari per poter raggiungere Chieti Madonna delle Piane, in coerenza con l’incentivazione dell’uso treno per il trasporto pendolare che Trenitalia sta proponendo in altre Regioni; 2. il ripristino dell’orario precedente (in vigore fino al 1 ottobre) per il treno regionale 3186 proveniente da Termoli. Il nuovo, infatti, ci impedisce di prendere la coincidenza con il treno 3181 diretto a Chieti. L’autobus che sostituisce il treno crea notevoli disagi, soprattutto ai lavoratori, perché i tempi di percorrenza dello stesso sono di gran lunga superiori (circa 20 min.) a quelli del treno (5 min.).

Inoltre, l’autobus circola fino a Venerdì, per cui la zona di Chieti-Madonna della Piane risulta irraggiungibile in treno per lavoratori e studenti nei giorni di Sabato e Domenica.

Per quanto sopra illustrato, è evidente il netto peggioramento del servizio agli utenti causato dal nuovo orario.

Si sottolinea, inoltra, che uno dei motivi per cui sono ancora relativamente pochi gli utenti del servizio è dettato dal fatto, piuttosto strano, che non esistono treni per il ritorno da Chieti-Madonna delle Piane in coincidenza da Pescara per Termoli. Ciò costringe gli utenti che devono tornare a Termoli ad integrare l’abbonamento del treno con un altro della linea bus Chieti-Pescara, al fine di prendere il treno a Pescara Porta Nuova o, addirittura, a Francavilla al Mare. Si chiede in definitiva che la nuova fermata di Chieti-Madonna delle Piane venga potenziata così da poter usata abitualmente dai molti utenti dell’Ateneo e dell’Ospedale.”

Se le tante promesse avveniristiche della cerimonia inaugurale del 13 giugno vengono così clamorosamente smentite, quale sarà il futuro della mobilità in Abruzzo e le altre regioni adriatiche così enfaticamente sbandierate quotidianamente dai organismi regionali abruzzesi? E sarebbe anche interessante sapere a che punto sta la “funivia” Madonna delle Piane – Chieti centro storico contenuta nel fantomatico “masterplan”!

 

Più informazioni su