vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Paolucci: “Nessun taglio da 1 milione di euro ne’ di 100 posti di lavoro” – Video

Più informazioni su

VASTO. “Nessun taglio da 1 milione di euro né di 100 posti di lavoro”, ha esordito così l’Assessore Paolucci nel confronto che si è tenuto questo pomeriggio presso la Sala Consiliare del Comune di Vasto tra le sigle sindacali Cgil, Cisl e Uil, i vertici della Fondazione Mileno, i delegati della Asl e il sindaco di Vasto Francesco Menna. Stando a quanto dichiarato dal Dottor Angelo Muraglia l’equivoco sarebbe nato da un errore materiale di comunicazione tra la Asl e la Regione. Dunque dall’ipotetico milione di euro di differenza rispetto allo stanziamento previsto dal precedente decreto si è passati ai solo 215mila euro emersi dall’incontro di oggi, ovviamente questo per quanto riguarda la spesa sanitaria e non quella sociale. A questi vanno aggiunte le 2.300 prestazioni che al momento non sono ancora state quantificate.

Per Ferdinando Costanzo della Cgil: “Se queste due, ovvero i 215mila euro e le 2.300 prestazioni, verranno quantificate in maniera dettagliata e celere, le preoccupazioni dei lavoratori della Fondazione Mileno potranno rientrare già nei prossimi giorni”.

C’è da dire che il decreto N.108 prevede dei tagli che riguardano non solo la Fondazione Mileno, ma anche  altre cinque strutture che sorgono nel vastese. La situazione dopo l’incontro di oggi sembrerebbe essere meno preoccupante, anche se il destino di molti lavoratori è ancora appeso ad un filo e con l’incubo cassa integrazione che non è ancora stato scacciato del tutto come conferma Francesco Nardizzi:“Ci aspettavamo degli elementi di certezza per bloccare il percorso della cassa integrazione che stiamo avviando. Ci sono ancora delle incertezze su alcuni numeri. Mi auguro che vengano chiarite già nel tavolo che l’assessore Paolucci ha predisposto per lunedì prossimo, in maniera tale che andremo a bloccare lo spettro della cassa integrazione, che dovremmo avviare se le cose non cambieranno, poiché è l’unico modo per salvaguardare la struttura, i lavoratori e tutti i pazienti”.

 Guarda il video a cura di Federico Cosenza:

Guarda la fotogallery:

 

Più informazioni su