vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Antonia Falasca la prima donna vastese alla maratona di New York

Più informazioni su

VASTO. Parteciparvi è il sogno di ogni atleta, professionista o amatore che sia; è vivere un emozione lunga 42 km che nasce e si protrae per le “avenues” ed i quartieri della città resa famosa da attori,cantanti e artisti di ogni genere; quella in cui ognuno di noi, almeno una volta, si è promesso di andarci: New York. Stiamo parlando della sua maratona, la più affascinante e partecipata del mondo, che ha visto ai nastri di partenza oltre 50000 podisti provenienti da tutto il pianeta. Molto numerosa la rappresentanza italiana con ben 2819 atleti, seconda solo a quella americana, e tra loro anche la prima donna vastese a portare lo stemma biancorosso per le strade della Grande Mela: la presidente della Podistica Vasto Antonia Falasca accompagnata dal fratello Filippo, anche lui tra i partecipanti.

Ancora presa dal tourbillon di emozioni ed adrenalina post-gara, Antonia ci racconta cosi la sua stupenda esperienza: “Una corsa da lasciare letteralmente senza fiato! New York ti accoglie con un bagno di folla continuo, metro dopo metro, che ti incita ad andare avanti, a non mollare. Batti il 5 praticamente a tutti! Al 35mo km mi è ceduto il ginocchio ed ho avuto un crampo al polpaccio, lacrime e brividi, ma sono andata avanti fino alla fine. Lo dovevo alla mia famiglia,ai miei amici,alla societá che rappresento, a chi in questi giorni mi ha sostenuto ed incoraggiato.” Al traguardo posto nel famosissimo Central Park il cronometro si ferma a 3:52:43 e per Antonia e suo fratello Filippo(arrivato poco prima di lei col tempo di 3:49:00) la gioia è davvero grande.

“Con questa medaglia auguro a mia figlia di lottare sempre per realizzare sogni che possono sembrare irraggiungibili.”aggiunge emozionata la presidente della Podistica Vasto che al rientro in Italia si porterá nel cuore e nella mente ricordi indimenticabili che solo una città come New York sa regalare”.

 

Più informazioni su