vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Michele Di Iulio, online il suo primo singolo “Un’altra occasione” – Video

Più informazioni su

VASTO. Si chiama Michele Di Iulio il giovane vastese che tre giorni fa ha visto per la prima volta pubblicato il videoclip della sua canzone, intitolata Un’altra occasione. Michele, classe ’95, ha la passione per la musica da quando era piccolo. Inizialmente aveva fatto suo lo stile lirico, riuscendo a cantare persino Bocelli in giro per le piazze d’Abruzzo. Un cambiamento radicale, passando a tutt’altra stoffa, è arrivato un po’ di tempo fa, quando si è accorto che la necessità di comunicare agli altri quello che sentiva era troppo forte. Il suo stile allora, un mix fra rap e pop, trip-hop nel linguaggio tecnico, si è presentato come il mezzo migliore per esprimere a pieno e senza mezzi termini i suoi sentimenti. Michele non ha mai pubblicato altre canzoni, ha deciso di comparire in pubblico proprio con Un’altra occasione, un testo scritto circa due mesi fa, che ripropone in versi la situazione che lui e molti altri giovani stanno vivendo.

Cos’è per te la musica?
“La musica è lo strumento migliore per comunicare al mondo le tue emozioni. Puoi saper cantare benissimo, avere una tecnica indiscutibile, ma se non riesci ad arrivare alla gente hai fallito il tuo compito”.

Questa canzone può definirsi autobiografica?
“Certamente, è nata dopo aver vissuto un periodo di depersonalizzazione, in cui avevo smarrito un po’ le mie tracce. Sono molto legato a questa canzone, anche se non segue una storia precisa, non ha un linea narrativa, ma è più che altro un flusso di coscienza. Penso che quello che sto vivendo io prima o poi lo vivano tutti, per cui credo che chiunque possa ritrovare in essa un po’ di se stesso. E’ autobiografica anche perché solitamente scrivo quello che vedo e che sento, come va il mondo e cosa ne penso. Porto sempre dietro un taccuino su cui appuntare le sensazioni improvvise che poi danno vita a frasi e testi interi”.

Nel testo sembrano esserci riferimenti a una presenza femminile. Ti riferisci a qualche preciso evento passato?
“No, si tratta di scene che mi sono immaginato, scene comparse nella mia mente in diversi momenti. Nel testo ci sono tantissimi riferimenti alle persone, ai loro sguardi spenti, agli atteggiamenti che vengono assunti e che sono per me del tutto sbagliati. Il riferimento principale è un po’ al mondo moderno, alle sue ingiustizie e alla sua incapacità di donare speranze sopratutto a noi giovani”.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro? Ti immagini un cantante affermato?
“Non ho idea di cosa accadrà, sinceramente temo che se un giorno dovessi pensare di fare della mia musica un lavoro probabilmente questa perderebbe un po’. Ora sono all’università, quando non sono sui libri mi metto a scrivere, è un po’ una sorta di sfogo. Sono contento che mi sia stata data la possibilità di esprimere con questo pezzo quello che sentivo, sono contento di essere cresciuto “professionalmente” da questo punto di vista, rappresentando con una canzone il modo in cui vedo la modernità, ma non so se farò musica tutta la vita”.

Paure, timori, speranze?
“Il mio timore è soltanto inerente al fatto che diventare cantanti oggi è molto difficile, se vogliamo poi il mio stile non è tra i più comuni, sebbene arrivi dritto alla gente. Spesso viene screditato ed è difficile farsi notare. Sono felice che a Vasto ci siano diversi giovani che stanno tentando di far carriera come musicisti, sebbene questa sia una città piccola che non ha molti agganci. Sono felice, poi,che siano entrati nel mondo del rapper due ragazzi in particolare, Nicola Di Lello, Mattia Bozzelli“.

Un personaggio noto a cui ti ispiri?
Fabrizio Moro. Da lui prendo spunto da sempre per il contenuto dei suoi testi. Mi ispiro anche ad Ernia per il modo e lo stile che ha nel cantare il suo pseudo-rap e mi ispiravo molto a Cranio Randagio, il rapper morto qualche giorno fa. Sono rimasto malissimo dopo aver appreso la notizia, giunta lo stesso giorno della pubblicazione del mio video. Apprezzo molto anche Luca Di Risio, mi piacerebbe duettare con lui un giorno”.

Guarda il videoclip di Un’altra occasione:

 

Guarda le foto:

 

Più informazioni su