vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Vastese, De Filippis: “In arrivo un portiere under, via Di Domenico e Mancino” – Video

Più informazioni su

VASTO. All’apertura del calciomercato Pino De Filippis e società dimostrano di avere le idee chiare. Sarà un mercato di cui i protagonisti saranno gli under, perché come detto dal direttore sportivo in conferenza stampa “i campionati si vincono con giovani di qualità”. Intanto hanno salutato la truppa biancorossa o si apprestano a farlo nelle prossime ore Stefano Mancino e  Biagio Di Domenico, giocatori che hanno trovato poco spazio fin qui. In particolare quest’ultimo, giocatore di proprietà della Vastese, ma che ha bisogno di mettere minuti nelle gambe altrove per non perdere l’anno. Sicuramente al loro posto arriveranno degli altri under sulle fasce e un giovane portiere da affiancare a Valentino Russo. Per il resto il pacchetto senior verrà confermato e non è escluso, in caso di occasione, l’arrivo di qualche pedina d’esperienza. De Filippis però è stato chiaro la priorità sono gli under, che devono dimostrarsi delle valide alternative per i titolari. La Vastese dunque è pronta a fare delle mosse di mercato, ma funzionali a squadra e progetto. L’obiettivo è quello di migliorare il gruppo e cercare di fare anche meglio rispetto a quanto fatto finora.

Guarda un estratto della conferenza stampa di Pino De Filippis a cura di Federico Cosenza:

A luglio nel costruire giorno dopo giorno la nuova rosa ti aspettavi di trovarti quattro mesi più tardi nei piani altissimi di classifica?

“Dobbiamo sempre tenere a mente da dove è partita questa Vastese, è stato costruito un gruppo partendo dalle fondamenta, gli obiettivi della società erano quelli di affrontare una stagione in assoluta tranquillità togliendoci qualche soddisfazione, ora dopo aver affrontato tredici giornate a mio avviso da qui in avanti si può puntare a qualcosa di importante, ricordando però di mantenere alcuni equilibri”.

Un gruppo costruito da zero ma capace di regalare parecchie gioie in questo primo terzo di campionato, quanto ti soddisfa l’aver messo su un impianto che finora sta regalando tanti sorrisi?

“Questo gruppo ha una forza incredibile, è compatto, omogeneo, con la cultura del lavoro e un attaccamento alla maglia pazzesco, fattori fondamentali per poter raccogliere i frutti domenica dopo domenica, ecco perché gli eventuali nuovi arrivi dovranno fare attenzione a questi dettagli altrimenti non faranno parte del progetto”.

Tredici giornate di campionato dove alcuni biancorossi si sono messi in mostra tanto da catalizzare le attenzioni di club anche di categoria superiore, c’è il rischio di perderli o resteranno a Vasto fino al termine della stagione?

“Posso rassicurare la piazza, l’attuale rosa non perderà nessuno dei pezzi pregiati, a luglio il loro destino lo decidono i giocatori, a dicembre comanda la società, manterremo il blocco al gran completo, quelli che hanno trovato meno spazio come Stefano Mancino e Biagio Di Domenico a malincuore andranno via, ecco perché ora il nostro primo obiettivo sarà quello di andare a rimpolpare il pacchetto under con un paio di elementi qualitativamente validi”.

A parte i due appena citati in questa prima fetta di stagione ci sono state lamentele per lo scarso utilizzo da parte di altri elementi che ora potrebbero chiedere di essere liberati per andare a cercare fortuna altrove?

“Dal primo giorno di ritiro ad oggi non ho sentito alcuna lamentela, su Mancino e Di Domenico ho deciso io per aiutare anche la crescita dei due ragazzi vista la loro giovane età, sono entrato nello spogliatoio una sola volta ad agosto, poi non c’è stato nessun tipo di problema, un dettaglio che la dice lunga sulla correttezza degli uomini che vestono questa maglia”.

Arriverà un altro portiere under così da non dover costringere mister Colavitto al doppio cambio come già successo a San Mauro?

“Certamente, la ricerca di un altro portiere under è in cima alla lista delle operazioni da concludere in questa sessione di calciomercato, Valentino Russo sta andando alla grande, lo sapevo già dal giorno in cui aveva firmato con noi ma d’ora in avanti per non rischiare di andare in difficoltà come successo in Romagna ci serve assolutamente un secondo fuoriquota in quel ruolo”.

Se gli under sono una priorità assoluta sul fronte senior ti muoverai per piazzare qualche colpo ad effetto?

“Questo organico non è semplice da migliorare, in avanti e sulle fasce non c’è nulla da stravolgere, la società è stata chiara, vuole competere per un obiettivo prestigioso quindi se in questi due lunghi mesi di calciomercato dovesse esserci qualche occasione buona per noi tra gli over di certo non ci tireremo indietro”.

Tra i senior attualmente in rosa chi sta sorprendendo piazza e addetti ai lavori è sicuramente il centravanti Prisco, nelle precedenti esperienze mai andato in doppia cifra, qui a Vasto ha già toccato le 10 reti in 13 giornate, eri certo di una sua riuscita?

Umberto ha delle potenzialità che neanche lui conosce, può crescere ancora, ne sono certo, potrebbe ambire a categorie superiori se dovesse migliorare in alcuni aspetti, con lui e tutti gli altri ragazzi c’è un ottimo rapporto di fiducia, loro sanno come mi comporto”.

Quanto questa finestra invernale di mercato potrà cambiare l’andamento del girone F?

“Da dicembre in poi con tutti questi movimenti sarà un altro campionato rispetto ai tre mesi appena affrontati, chi è in difficoltà cercherà sicuramente di rinforzarsi in modo più massiccio anche se poi in campo andranno comunque sette over, ecco perché saranno gli under a fare la differenza”.

Da esperto ds per la categoria e conoscitore da anni del girone F si aspettava di trovare nei piani alti le prime 6 racchiuse in 6 punti?

“Con i campionati a tre punti specie nella prima parte di campionato è facile ipotizzare ancora una classifica corta, mi aspettavo il primato del Matelica, una squadra che può disporre di importanti risorse economiche, noi sopperiamo con le idee e la cultura del lavoro”.

Secondo posto con 27 punti a meno due dalla vetta, un cammino soddisfacente finora, migliorabile o sarà difficile chiedere di più a questi ragazzi?

“La Vastese può migliorare ancora, essendo una squadra nuova di zecca l’intesa aumenta sempre di più con il passare delle domeniche, non a casa nelle prime tre giornate tra San Marino e Monticelli abbiamo incassato sei gol proprio perché c’era ancora poca conoscenza individuale, ora anche la difesa si è assestata e lo confermano i soli sei gol subiti nelle ultime dieci giornate, il mister sta portando avanti un buon lavoro, i ragazzi lo seguono, dobbiamo restare concentrati e proseguire su questa strada”.

Domenica sfida ad Alfonsine, quali insidie potrebbe nascondere l’ultima trasferta romagnola della stagione?

“Per noi potrebbe essere la classica buccia di banana su cui scivolare quando meno te l’aspetti, ecco perché dobbiamo evitare cali di concentrazione, non sarà una passeggiata ma dipende tutto da noi, l’approccio al match sarà fondamentale, scendere in campo con la giusta mentalità, dovremo lavorare di squadra come dice sempre mister Colavitto”.

Più informazioni su