vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Lorenzin: per le Regioni commissariate hanno pagato i cittadini – Video

Più informazioni su

VASTO. Erano in tanti nella sala del cinema Corso oggi pomeriggio all’incontro per il sì al referendum, con il Ministro Lorenzin, la senatrice Federica Chiavaroli e l’assessore Silvio PaolucciC’erano il sindaco Francesco Menna agli assessori Anna Bosco, Carlo Della Penna, Lina Marchesani il presidente del Consiglio Giuseppe Forte, l’ex sindaco Luciano Lapenna  i consiglieri Maria Molino, Marco Marchesani, Roberta Nicoletti, Giuseppe Napolitano, Nicola Tiberio e Marino Artese.

Tanti gli esponenti del Pd intervenuti da Chiara Zappalorto, ai sindaci e i segretari del vastese e come per ogni grande occasione che si rispetti c’era anche l’ex assessore regionale alle attività produttive Antonio Boschetti. Tra il pubblico molti medici e operatori sanitari, ma all’ingresso della sala anche qualche esponente del No, come il vice sindaco di Vasto Paola Cianci.

Tra gli assenti giustificati Maria Amato non invitata all’iniziativa e Angelo Bucciarelli che ha manifestato nei giorni scorsi sul profilo Facebook il suo dissenso per il mancato invito alla parlamentare vastese. “Una maleducazione istituzionale senza precedenti –aveva scritto Bucciarelli  a Vasto si organizza una manifestazione per il sì, con il ministro della Sanità, Lorenzin, la sottosegretaria alla giustizia, Chiavaroli, l’assessore Paolucci, Pd, e il Sindaco di Vasto, Menna ma non si ha la buona creanza di invitare Maria Amato, Parlamentare Pd di Vasto, componente della commissione Salute della Camera dei Deputati, per misere e volgari beghe di partito”.

Guarda il video a cura di Federico Cosenza:

La sottosegretaria Federica Chiavaroli ha ricordato che il suo sì è più importante di quello del Ministro Lorenzin perché con la vittoria del sì cancellerà il suo posto da senatrice.

“Le regioni commissariate –ha detto il Ministro Lorenzin –hanno sofferto moltissimo. Ci sono stati dei motivi del commissariamento che sono dati dalla cattiva gestione, ma purtroppo poi questo prezzo è stato pagato dai cittadini”.

All’ingresso della multisala Beatrice Lorenzin è stata avvicinata dalla madre di un bambino autistico che ha chiesto aiuto per le cure del figlio, non può più essere seguito al San Raffaele di Milano.

Guarda la fotogallery:

Più informazioni su