vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Genova Rulli, la replica di Francesco Prospero a Ivo Menna

Più informazioni su

 

VASTO. L’Avvocato Francesco Prospero (Consigliere Comunale di Minoranza di Vasto) replic all’ambientalista storico vastese Ivo Menna in merito al Complesso Genova Rulli.  “Fa piacere -dichiara Frnacesco Prospero- che il Sig. Ivo Menna, uomo di cultura e ambientalista storico, abbia apprezzato la mia iniziativa di portare all’attenzione dell’amministrazione comunale la situazione di degrado ed abbandono in cui versa il Complesso Genova Rulli di Via Anelli in Vasto.

A lui, che da anni ha a cuore le sorti della struttura, chiedo di aiutarmi, attraverso i suoi buoni uffici, a sensibilizzare l’attuale amministrazione al recupero del complesso che potrebbe essere uno strumento utile al rilancio e alla riqualificazione del nostro Centro Storico.

Per il futuro, poi, sarò onorato di portare all’attenzione del Consiglio Comunale le questioni riguardanti il patrimonio immobiliare della nostra Città che, il Sig. Ivo Menna, vorrà di volta in volta segnalarmi.

Nel contempo, però, trovo fuori luogo, strumentale e di cattivo gusto il coinvolgimento di mio padre nell’iniziativa. Fuori luogo perché, come ha ricordato il Sig. Ivo Menna, il complesso Genova Rulli, di proprietà della Curia Vescovile, è nella disponibilità dell’amministrazione comunale “solo” dal 2006, mentre mio padre è stato Sindaco della nostra città sino al 1993. Di cattivo gusto perché, senza entrare nel merito della questione,  se ha, in generale, delle perplessità sull’operato di mio padre ben farebbe a rivolgere a lui e, non al sottoscritto, le sue critiche che, sono certo, troverebbero esaustive risposte.

Ciò posto, mi auguro che il Sig. Ivo Menna non cada nell’errore delle amministrazioni di centrosinistra che si sono susseguite nell’ultimo decennio, ossia di declinare le propria responsabilità su chi ha amministrato Vasto 20 o 30 anni fa. Il centrosinistra amministra la nostra Città da oltre 11 anni ed è giunto il momento che si assuma le proprie responsabilità”.

 

Più informazioni su