vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Gestione rifiuti, M5s: “Cara Pulchra, quanto ci costi…”

Più informazioni su

VASTO. “Nell’ambito della gestione dei rifiuti le passate amministrazioni di centro destra e di centrosinistra hanno fatto a gara nel favorire la dinamica dei compensi della Pulchra (capitale 51% del Comune e 49% di socio privato) mentre hanno depresso i compensi del Consorzio Civeta (capitale 100% pubblico).

Ciò risulta evidente anche dai meccanismi di adeguamento automatico dei compensi di cui beneficia la Pulchra mentre, come noto, le tariffe del Civeta sono rimaste bloccate dal 2009 al 2016.

I compensi della Pulchra per i servizi di spazzamento e raccolta dei rifiuti vengono aggiornati automaticamente, e con cadenza annuale, sulla base di complesse formule di calcolo che tengono in conto la dinamica dei costi della manodopera, dei carburanti e degli automezzi.

L’applicazione di queste formule nel 2104 ha prodotto un adeguamento annuo del compenso Pulchra pari al 4,028 %, con un maggior esborso per il Comune di 186.146,00 euro.

E’ opportuno notare che nel 2013 l’indice di inflazione nazionale è risultato dell’1,5% e che, se il contratto avesse fatto riferimento a questo indice (come prevede il DPR 158/1999), il maggior esborso per il Comune sarebbe stato pari a 69.319,00 euro, con un risparmio di 116.827,00 euro.

Se questo dato fosse proiettato nei 20 anni di contratto con la Pulchra avremmo circa 2 milioni di euro pagati dai cittadini per una clausola contrattuale iniqua, concordata dall’Amministrazione Tagliente nel lontano 1998, ma mai rimessa in discussione dalle Amministrazioni di Centrodestra e di Centrosinistra che hanno governato negli anni successivi.

Ai dubbi sulla correttezza del meccanismo di adeguamento adottato si aggiungono pesanti certezze sulle modalità di calcolo ed in particolare sulla incoerenza applicativa degli indici di aumento per le varie categorie di costo. Il contratto infatti non stabilisce, come avrebbe dovuto, le fonti ufficiali dei dati. E così, ad esempio, la fonte delle variazioni del costo del carburante per i mezzi utilizzati da Pulchra non è nazionale (fonte Istat o ministeriale) ma, da non credere, di un distributore di carburante locale che ha certificato l’aumento dei prezzi dal 31/12/2012 al 31/12/2013, quando i dati ministeriali indicano, nello stesso periodo, una diminuzione dei prezzi stessi.

Nello stesso anno 2103 risulta un aumento pari al 14% di un automezzo Iveco, aumento chiaramente dovuto non all’ inflazione ma ad un cambio di modello con prestazioni superiori. Ciò non ha scoraggiato la Pulchra dall’inserire il suddetto aumento nella formula di calcolo di aggiornamento automatico.

In tutto questo disordine contrattuale ed amministrativo dov’è la politica? Dove sono i nostri amministratori? Dove sono state le opposizioni negli ultimi 20 anni? Tutti tacciono, nulla cambia ed i cittadini pagano.

Il M5S si impegna ad avanzare, fuori e dentro le Istituzioni, tutte le iniziative necessarie per porre termine a situazioni contrattuali ed applicative che da troppi anni penalizzano le casse comunali e favoriscono gli utili del socio privato, sulla base di pure rendite di posizione.

Nel frattempo invitiamo il Sindaco e la Giunta a non rinnovare la convenzione con la Pulchra, in scadenza il 16/07/2018 e ad avviare tempestivamente le azioni necessarie per una nuova gara di affidamento dei servizi di igiene ambientale. Si ricorda in proposito che l’attuale contratto con la Pulchra prevede, in caso di prolungamento dopo la scadenza, un periodo di proroga non inferiore ai 5 anni.”

Così, in una nota stampa, il M5s.

Più informazioni su