vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

35 docenti stranieri a Vasto per un corso di formazione con l’Erasmus+

Più informazioni su

VASTO. Durante la scorsa settimana, si è svolto a Vasto un corso di formazione per 35 docenti, assistenti sociali, insegnanti di scuola dell’infanzia, provenienti da quattro differenti paesi: Polonia, Romania, Turchia e Spagna; il corso aveva l’obiettivo di osservare buone pratiche e di acquisire conoscenze nell’ambito dell’educazione, anche parentale, dei bambini da zero a sei anni.

Il corso è stato organizzato dalla società di formazione Polaris Srl, nell’ambito del progetto europeo Erasmus+ dal titolo Parents School: not formal and informal strategies and methods for improving the competencies of home caregivers for ante preschool children.

“Queste iniziative sono svolte soprattutto con lo scopo di scambiare buone pratiche e di sostenere la collaborazione transnazionali di enti di formazione e di educazione nei diversi paesi europei” – commenta la responsabile dei progetti europei di Polaris, l’Avv. Claudia Di Foglio – “Ringrazio per la collaborazione nell’organizzazione dell’evento l’Assessore all’Educazione e della Politiche Comunitarie, Dr. Anna Bosco, del Comune di Vasto, la Dirigente della Nuova Direzione Didattica, Prof.ssa Del Re ed il Dirigente dell’Istituto Palizzi, Dott. Fuiano”.

“Ho accolto i 35 docenti stranieri a nome del Sindaco e della cittadinanza a conferma della vocazione europea che il Comune di Vasto ha ed avrà anche in futuro, nel settore dell’educazione e della formazione professionale”, commenta l’Assessore Bosco.

“Conoscere e confrontarsi con le altre realtà europee e non, ci permette di crescere come comunità educante e di sviluppare la nostra consapevolezza della cittadinanza europea; ecco perché come scuola siamo molto attivi nel settore dei progetti europei come l’Erasmus+ afferma la Prof.ssa Del Re.

Durante il soggiorno a Vasto i 35 docenti hanno avuto modo di conoscere ed apprezzare anche le bellezze naturali e culturali locali; non sono mancati momenti di socializzazione tra di loro e con i vastesi.

Più informazioni su