vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Confartigianato: “Stroncare abusivismo a Pescara o pronti a scioperi anche in estate”

Più informazioni su

PESCARA. “Un durissimo colpo alla contraffazione, alla prostituzione, allo spaccio di droga e alla criminalità, fenomeni che danneggiano non solo i cittadini, ma anche la nostra economia, già messa a dura prova dalla crisi e da un inverno difficilissimo”. Il presidente di Confartigianato Pescara e quello della categoria Commercio, Giancarlo Di Blasio e Massimiliano Pisani, commentano così l’operazione interforze condotta stamani a Montesilvano per lo sgombero del cosiddetto ‘ghetto’ di via Ariosto. L’associazione di categoria, che più volte ha lanciato l’allarme sull’abusivismo e sul degrado, esprime un plauso per il lavoro delle forze dell’ordine e invita tutti a“far sì che il loro impegno non sia vano”.

“Le forze dell’ordine – aggiungono Di Blasio e Pisani – adesso non devono essere lasciate da sole: lanciamo quindi un appello al sindaco di Montesilvano e a quello di Pescara affinché vengano immediatamente predisposte delibere per impedire che, nel giro di poche settimane, si rinnovino fenomeni di questo tipo. Chiediamo inoltre maggiore comunicazione e intesa tra le Polizie municipali delle due città, che, di fatto, rappresentano un unico centro urbano, così da rendere le attività di contrasto all’illegalità più efficaci”.

“Faremo di tutto per evitare che il lungomare, piazza della Rinascita e tutti i luoghi più turistici della città vengano invasi da abusivi e da finti mendicanti, che, spesso, fanno parte di precise organizzazioni criminali. Serve subito un tavolo di emergenza, con Confartigianato e tutte le altre associazioni di categoria. Se i nostri appelli resteranno inascoltati, soprattutto considerando l’estate alle porte, siamo pronti a iniziative di protesta, anche fino allo sciopero in piena stagione. Non resteremo in silenzio a guardare – concludono i presidenti -: lo dobbiamo ai cittadini, ai commercianti e alle forze dell’ordine”.

Più informazioni su