vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Festa nazionale della pallavolo e del calcio a cinque

Più informazioni su

 

VASTO. Il 10 e l’11 giugno, gli impianti sportivi di Vasto ospiteranno l’edizione 2017 della festa nazionale della pallavolo e del calcio a 5, organizzata dal Cedas Sevel di Atessa.

Tre i tornei in programma, inseriti nel quadro delle attività sportive promosse dallo C.S.A.In. (Centri Sportivi Aziendali Industriali) in Abruzzo: uno di pallavolo aziendale, uno di mix volley (in campo obbligatoriamente tre giocatori e tre giocatrici) ed uno di calcio a 5 aziendale.  11 le squadre iscritte, che porteranno nella cittadina rivierasca circa centotrenta atleti, tecnici, dirigenti ed arbitri provenienti di 4 regioni italiane: campania, molise, lazio e abruzzo.

Nella pallavolo saranno quattro le squadre che si contenderanno la vittoria e precisamente: il Cedas FCA di Termoli, Cedas FCA di Pratola Serra (Av), il G.S. United Nations volley Roma  ed il Cedas SEVEL di Atessa (Ch). Tre, invece, le compagini che daranno vita al torneo di mix volley: Aurora Volley Ururi (CB), G.S. AlteVette di Celenza Sul Trigno (Ch) e All Stars Sevel Lanciano (Ch). Le gare si disputeranno nelle palestre del centro sportivo San Gabriele di Vasto. Quattro, infine, le rappresentative che si sono iscritte al torneo di calcio a 5, in programma sui campi del C.T. Promotennis di Vasto: il Cedas FCA di Termoli, Cedas FCA di Pratola Serra (Av), il Cedas FCA Plastic Unit di Atessa ed il Cedas SEVEL di Atessa (Ch).

Si inizia sabato pomeriggio con la disputa dell’intero torneo di mix volley e delle qualificazioni del calcio a 5 e della pallavolo aziendale. Per queste ultime due discipline, domenica mattina si giocheranno le finali. “Come negli anni scorsi – ricorda Valter Di Gregorio, Segretario del Cedas Sevel e coordinatore del comitato organizzatore – giocheremo anche e soprattutto  per la solidarietà. Tutti gli atleti, infatti, pagheranno un piccolo contributo di partecipazione che verrà poi devoluto all’Associazione Giacomo Sintini, attiva nel campo della ricerca sui linfomi infantili.”

Più informazioni su