vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Le criticità nel vastese, Febbo: perché non si costruisce il nuovo ospedale

Più informazioni su

SAN SALVO. Il consigliere regionale Mauro Febbo partceipando ad una conferenza stampa con il sindaco Tiziana Magnacca, il consigliere regionale Mario Olivieri, il presidente del Consiglio Comunale Eugennio Spadano e il Consigliere Comunale Tonino Marcello ha ricordato che  per l’autismo ha presentato un disegno di legge. “Convocando le associazioni e i direttori delle Asl – ha detto Febbo- abbiamo lavorato ad un ottimo disegno di legge che ha ingelosito, perché solo questa può essere la ragione, forse l’assessore, che presenterà il suo disegno di legge. Nel frattempo i Lea non vengono attuati  e ci sono bambini che nonostante le sentenze dei tribunali non ricevono l’assistenza e i centri che svolgono questo servizio sono senza contratto e stanno facendo il servizio con le anticipazioni bancarie. C’è un caos generale, un senso di disfattismo , di poca attenzione a problemi importanti come quello dell’autismo che è un problema serio”.

febbo

Il Consigliere regionale Febbo ha inoltre elencato le diverse criticità che si registrano sul territorio. La realizzazione del nuovo ospedale per esempio. “Per il nuovo ospedale di Vasto c’è tutto: il terreno, i fondi  non si riesce a capire –ha spiegato Febbo- perché non si può costruire questo ospedale. Manca la voglia di affrontare questo argomento perché si parla della realizzazione del nuovo ospedale di Chieti. L’abbandono che c’è su questo territorio non si vede solo per l’ospedale, ma anche per il distretto sanitario di San Salvo, basta vedere come è ridotto.  Abbandono non solo dal punto di vista immobiliare ma anche in termini di personale. Ci sono anche altri problemi come il centro di ricerca Cotir e poi il Consorzio di Bonifica sud dove non si riesce a definire un consiglio di amministrazione si va avanti con i commissariamenti . Addirittura per la diga di Chiauci qualcuno dice che c’è l’intenzione di passare la concessione dal Consorzio di bonifica di Vasto a quello di Temoli e non capisco perché non intervenga seriamente la politica.

Più informazioni su