vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

A Montenero consegnato un riconoscimento allo chef stellato Igles Corelli

Più informazioni su

MONTENERO DI BISACCIA.  Il sindaco Nicola Travaglini ha ricevuto nel tardo pomeriggio di ieri in Municipio Igles Corelli, lo Chef stellato Michelin presente in questi giorni in Molise per scoprire i prodotti tipici del territorio.

L’incontro, al quale ha presenziato anche l’Amministrazione comunale assieme ad alcuni produttori e ai protagonisti della promozione turistica locale, si è tenuto nella sala della Giunta, dove Travaglini ha consegnato a Corelli alcuni doni in segno di riconoscenza per la sua opera di divulgazione delle tipicità enogastronomiche regionali italiane.

“Per me è un onore – ha commentato il sindaco Nicola Travaglini – poter ricevere qui a Montenero di Bisaccia un ambasciatore del gusto come lo Chef Igles Corelli. Ritengo importante la sua presenza qui in Molise, perché credo che la valorizzazione dei prodotti locali passi anche attraverso i protagonisti della cucina nazionale ed internazionale, i quali sanno sicuramente esaltare pregi, virtù e bontà delle materie prime provenienti da piccole realtà territoriali; ebbene, lo Chef Corelli incarna proprio lo spirito dell’esploratore, cioè di colui che si reca personalmente nei luoghi dove sono nati i migliori prodotti enogastronomici della tradizione locale e regionale, al fine di portarli alla luce valorizzandone ed esaltandone le peculiarità.

Cucina e territorio costituiscono un binomio sempre più imprescindibile in tema di promozione turistica e sono convinto che questi settori rappresentino più di una semplice prospettiva per tutti quei giovani che vogliono entrare nel mondo del lavoro o vogliono misurarsi con l’autoimprenditorialità. Grazie quindi a Igles Corelli, il quale ha trovato anche qui a Montenero un prodotto interessante per la sua cucina creativa: la ventricina; siamo certi che il nostro salume tipico e gli altri prodotti locali molisani sapranno far parlare di sé e della nostra regione”.

Più informazioni su