vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

“La Deposizione dalla Croce” di Filandro Lattanzio donato a San Giuseppe foto

Più informazioni su

VASTO. Un dipinto  del  pittore  vastese Filandro Lattanzio, “La Deposizione dalla   Croce”, è   stato   donato dalla figlia Viviane Dutaut alla Cattedrale di San Giuseppe a Vasto.

Raffigura   la scena della Deposizione dalla Croce. Come in altre opere   sacre   eseguite   per le chiese   di Vasto, è diffusa di una sottile   e vibrante   tonalità perlacea, caratteristica di Lattanzio per la luce frammista a tonalità   iridescenti. E’   una luce   che, in questa sua opera di grandi   dimensioni, balza evidente   e che è   propria di tutta la   produzione pittorica dell’Artista. Quasi una personale   impronta abbinata ad una sottile   intonazione cromatica di ispirazione romantica nella ricca   e variopinta   tavolozza.

Lattanzio  in questa opera offre   la sua spiccata personalità che   rimane   sempre legata all’arte   verista e figurativa per eccellenza, perché ancorata ad un rigorismo formale   che   è   caratteristica della sua formazione   culturale, soffusa di accenti di verismo poetico che lascia   trasparire il senso della bellezza e   la vera   essenza   del cromatismo accostato alla materia pittorica.

In tale contesto si fondono le   tonalità vive, rosse, viola, grigie che sono colori prediletti dall’Artista, che assumono effetti modulati che   costituiscono anche espressioni più congeniali al   temperamento latino dell’Artista.

Dotato di profonda genuinità e umiltà, e di   immensa personalità e   sentimento mistico, le   immagini sacre dipinte rispecchiano   il   sentimento   di un animo poetico innamorato dell’arte pittorica, che   sa cogliere   e   scoprire   i misteri dei creato, giungendo all’apice della personalità.

Filandro Lattanzio ha dipinto altre immagini sacre che   sono custodite nelle  chiese di Vasto, tra cui “S. Anna e la sua Famiglia a protezione della Maternità” (1984), “Madonna dei Sette   Dolori”(1982), donate alle omonime chiese.

GIUSEPPE CATANIA

Foto di MASSIMO MOLINO

Più informazioni su