vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Vastese Calcio, Colavitto e Bolami a caccia di giovani promettenti foto

Più informazioni su

VASTO. La Vastese Calcio riparte dalle nuove leve, almeno è questo l’obiettivo del raduno per  i giovani delle annate 1998, 1999, 2000 e 2001 che si è tenuto nel pomeriggio di oggi presso lo Stadio Aragona. A dirigire i lavori, sul rettangolo verde, c’era mister Gianluca Colavitto. L’allenatore partenopeo, ma che da anni vive a Lanciano, ha una gran voglia di rimettersi subito in gioco: “Oggi siamo qui per valutare un po’ di ragazzi del comprensorio, ma per il campo vero e proprio ci vuole ancor un mese e mezzo. I ragazzi validi del posto sono una risorsa per la Vastese, ma dobbiamo valutarli bene. C’è voglia di lavorare, di rimettersi in gioco per cercare di dare il massimo per se stessi, per la città e per i colori della Vastese”.

Colavitto in panchina

Presenti al raduno anche Giuseppe De Cillis, referente dell’appuntamento odierno e il presidente Franco Bolami. Proprio quest’ultimo ha fatto il punto della situazione in casa biancorossa: ” Ci stiamo muovendo, stiamo riconfermando con il direttore alcuni giocatori della passata stagione, non molti visto come è andata. Stiamo cercando di fare una squadra tosta e affamata. Stiamo cercando di portare qualche vastese in città (Menna e Stivaletta) e di costruire una squadra all’altezza della situazione. Una squadra matura con elementi tra i 27-28 anni. Stiamo dialogando con Nicola Fiore affinché resti e vedendo per l’arrivo di giocatori importanti per questa categoria. Stiamo lavorando in silenzio per evitare gli sbagli della passata stagione, anche se fino al 1 luglio non si può decidere nulla. Sicuramente abbiamo fatto tesoro degli errori commessi e stiamo programmando una bella stagione, con una squadra all’altezza della città”.

Infine sugli obiettivi della prossima stagione Franco Bolami ha detto sorridendo: “Non voglio parlare, se no poi faccio danno. Domenica dopo domenica guardiamo il nostro cammino e vediamo”.

Più informazioni su