vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Vivere l’Adriatico d’estate: per vacanza o per lavoro?

Più informazioni su

Vivere l’Adriatico d’estate? Sì, ringraziando soprattutto l’Abruzzo e le sue bellezze naturali e paesaggistiche. Parliamo infatti di una delle regioni più apprezzate, in special modo d’estate, quando le vacanze aprono le porte ai litorali tra i più amati d’Italia, come la spiaggia di Alba Adriatica, Martinsicuro, Punta Penna e Tortoreto Lido. E sono davvero poche le strutture in grado di poter competere con il Mar Adriatico, che d’estate si riempie di turisti e di persone pronte a rilassarsi immergendosi nelle numerose spiagge bagnate da questo mare. Eppure, non è detto che l’Abruzzo ed il Mar Adriatico debbano essere esclusiva dei turisti.

Adriatico e Turismo: i dati di Adriatic Sea Forum

Ogni estate il Mar Adriatico diventa una meta particolarmente bollente, amatissima dai turisti dello Stivale e di tutto il mondo. Ma è stato il 2016 a segnare una tappa importante per queste zone, in quanto – stando ai dati esposti durante l’Adriatic Sea Forum – la scorsa estate ha visto un aumento del +5,5% dei turisti giunti presso i porti dell’Adriatico, con una particolare predilezione per la regione Abruzzo. In totale sono stati oltre 5 i milioni di vacanzieri giunti sulle rive adriatiche la scorsa estate: quest’anno, però, non sarà da meno, considerando il fatto che è previsto un ricco bis a livello turistico nazionale ed internazionale.

L’Adriatico come meta estiva per chi cerca lavoro

Non solo turisti, non solo tintarelle, e non solo divertimento: tanti italiani, soprattutto nella fascia d’età under 30, rinunceranno alle vacanze per provare ad impegnarsi in un lavoro stagionale, sfruttando l’estate per portare qualche soldo in cassa. Ed ecco che l’Adriatico diviene ancora una volta importante: a causa del grande afflusso turistico, infatti, saranno numerose le strutture balneari che avranno bisogno di personale extra per far fronte all’invasione estiva. D’altronde basta cercare gli annunci di lavoro in zona su siti web come Jobrapido, per rendersi conto dell’elevata domanda relativa alle professioni estive più gettonate, dall’animatore agli assistenti bagnanti, proseguendo ovviamente oltre.

Professioni estive: quali sono i loro compiti?

Il fatto che si lavori come animatore di contatto o addetto al mini-club, e soprattutto come assistente bagnante, significa anche possedere certe qualità e competenze, oltre ad un livello di attenzione molto alto. Ma quali sono i compiti di queste figure? L’animatore di contatto ha il compito di tenere sull’allerta gli ospiti delle strutture ricettive, coinvolgendoli nei giochi o durante gli spettacoli, impreziosendo la loro vacanza. Gli addetti al mini-club devono invece gestire i bambini, tenerli impegnati e garantire ovviamente per la loro sicurezza: a queste figure viene richiesta una certa dose di esperienza con i bimbi. Infine, l’assistente bagnante, che deve vigilare per la salute dei turisti ed essere pronto ad intervenire in caso di qualsiasi problema in spiaggia o in mare. Dunque parliamo di professioni anche di un certo peso, necessarie per salvaguardare la sicurezza dei turisti e dei loro figli e, allo stesso tempo, permettere loro di rilassarsi e godersi al meglio il loro periodo di villeggiatura.

 

Più informazioni su