vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

La tv da pc è più interessante perché è interamente personalizzabile

Più informazioni su

Sono addirittura 2 milioni i cittadini italiani che negli ultimi 24 mesi hanno volontariamente scelto di abbandonare il monitor del televisore. Il che potrebbe apparire strano, considerando l’uscita di Tv sempre più tecnologiche e sempre più avanzate a livello di risoluzione dello schermo. Eppure, secondo i dati audience, questa è una realtà con la quale dobbiamo fare i conti e con la quale devono soprattutto confrontarsi le aziende, considerato il fatto che – per via di un numero minore di spettatori – gli spot televisivi hanno perso un valore pari all’8%, nonostante i prezzi di inserzione dei suddetti siano ancora molto alti. I motivi di questo abbandono? La nascita di nuove forme d’intrattenimento, come ad esempio i social network ed i giochi online.

Non solo TV: oggi i video vengono visti sul PC

Fra le tante ragioni in grado di spiegare il disinteresse soprattutto dei telespettatori più giovani, troviamo anche dispositivi come il Pc e tablet, che non vengono utilizzati solo per la navigazione, ma anche per la visione dei contenuti video in streaming. Parliamo di una preferenza di fruizione dei film e degli altri contenuti video che viene direttamente dagli Stati Uniti d’America e che – visto il nostro storico legame con le tendenze made in USA – potrebbe prendere piede anche in Italia. Negli USA le motivazioni della preferenza di Internet a scapito delle TV sarebbero legate alla ricerca di costi più contenuti rispetto al prezzo della loro tv via cavo, decisamente più cara.

Televisione: i giovani la preferiscono su Internet

Se ci concentriamo solamente sulla cosiddetta generazione dei Millennials è chiaro che l’abbandono della tv tradizionale si deve essenzialmente alla preferenza dei dispositivi sopracitati. Il motivo è dovuto a un’offerta di contenuti così ampia da presentare tantissime alternative di valore. Soprattutto, via internet, non c’è il disturbo della pubblicità e i film possono essere visti in qualsiasi momento non solo sul PC, ma anche da altri device portatili. Persino le emittenti televisive tradizionali si stanno adeguando al trend, offrendo la visione dei propri contenuti nei rispettivi siti web anche a distanza di qualche giorno dalla messa in onda.

Le difficoltà della visione personalizzata

Dunque ampia disponibilità di scelta dei contenuti, maggiore risparmio rispetto a una pay-tv e massima libertà dal punto di vista degli orari fanno sì che molti giovani italiani preferiscano utilizzare il proprio laptop per rilassarsi e vedere un film; eppure non è sempre tutto così semplice. Rinunciare al classico televisione implica necessariamente la presenza di una connessione che sia veloce abbastanza da offrire una visione priva di interruzioni, come spesso invece sfortunatamente accade. Dunque occorre trovare un giusto compromesso tra il risparmio economico e una linea all’altezza delle proprie esigenze. Una soluzione potrebbe essere optare per la linea di Linkem che offre internet senza canone e senza linea telefonica, che permette all’utente di non essere vincolato dall’impegno di un abbonamento e al contempo gli permette di usufruire di un buon servizio. In ogni caso, indipendentemente dall’operatore scelto è necessario prestare attenzione alla velocità di connessione.

Quali sono i film più belli da vedere sul PC?

Se disponete di un account presso piattaforme streaming a pagamento, avete la possibilità di godervi sul PC, sullo smartphone o sul tablet tantissimi film, uno più bello dell’altro. Ma quali sono i migliori? Non potremmo non partire da un recente capolavoro come “The Departed – Il bene e il male”, con protagonista la stellina Leonardo Di Caprio. A seguire troviamo altre pellicole di grande spessore, come ad esempio “Il Sospetto”, la commedia “Quasi Amici” ed un grande classico come “The Millionaire”. Infine, da citare anche il cartone animato della Disney “Monsters & Co.” o il film “Ip Man”, che ripercorre la storia del noto maestro di arti marziali.

 

Più informazioni su