vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Consigli Direttivi Ostetriche Abruzzo e Molise, incontro per modelli oranizzativi

Più informazioni su

PESCARA. Giovedì 29 giugno 2017 presso la sede di Pescara la Federazione Nazionale Collegi Ostetriche nella persona della Presidente Nazionale Dott.ssa Maria Vicario e della Vicepresidente Dott.ssa Silvia Vaccari ha incontrato i Consigli Direttivi dei Collegi delle Ostetriche della Regione Abruzzo, della Regione Molise e le Ostetriche referenti dei Comitati dei Percorsi Nascita Regionali.

La Federazione ha attivato questa iniziativa su tutto il territorio nazionale per analizzare nelle singole realtà regionali il ruolo della Professionista Ostetrica all’interno dei contesti organizzativi, per rilevare le criticità, per pianificare in maniera condivisa ed uniforme in linea con le direttive nazionali percorsi di cura ostetrici rispondenti ai bisogni di salute della popolazione femminile sia nell’area ostetrico-neonatale che nell’area ginecologica.

Le Ostetriche quotidianamente sono al fianco delle donne, durante la gravidanza, il parto e al dopo parto, nella cura del neonato, nella prevenzione dei tumori con le attività di screening, nella cura delle patologie ginecologiche, nella promozione della salute e della cura perineale, nel periodo della menopausa.

Nella giornata di ieri è stato attivato un tavolo di lavoro tecnico-politico per la valutazione dei modelli organizzativi ostetrici nel Percorso nascita, per la Regione Abruzzo l’iniziativa si è svolta con la collaborazione dell’Assessore alla Sanità Silvio Paolucci e la partecipazione ai lavori del Direttore del Dipartimento per la Salute e il welfare il Dr Angelo Muraglia.

Tra i punti all’ordine del giorno sono stati analizzati nel dettaglio gli standard organizzativi dell’assistenza ostetrica nel percorso nascita, le attività ostetriche che favoriscono l’integrazione ospedale-territorio per una migliore presa in carico assistenziale, le attività di formazione con simulazione per la gestione delle emergenze e urgenze ostetriche.

Dalla raccolta dei dati è emerso sulle realtà locali un impegno in costante crescita da parte delle professioniste ostetriche, in linea con le raccomandazioni assistenziali e le linee guida di riferimento.

Le osservazioni conclusive hanno posto l’attenzione sull’importanza del confronto delle esperienze lavorative tra professionisti. Certamente la cooperazione interdisciplinare e il confronto con le Istituzioni Regionali e Nazionali consentiranno lo sviluppo di un modello organizzativo ostetrico idoneo per sostenere la cura della donna e della sua famiglia.

Più informazioni su