vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Acquisizione ex stazione di Vasto, ieri l’incontro a Roma con RFI per la Via Verde foto

Più informazioni su

ROMA.  Si è tenuto nel tardo pomeriggio di ieri a Roma un importante incontro tra i rappresentati delle amministrazioni di Vasto, Casalbordino, Torino Di Sangro, Fossacesia e San Vito Chietino, il presidente della regione Abruzzo Luciano D’Alfonso l’Amministratore Delegato di RFI (Rete Ferroviaria Italiana ) l’ Ing. Maurizio Gentile e il dott. Lenci direttore centrale Finanza. Obiettivo dell’appuntamento di Piazza della Croce Rossa 1,  è stato quello di avviare le trattative per l’acquisto delle vecchie stazioni dismesse di Vasto, Torino di Sangro, Fossacesia e San Vito Chietino da destinare ai servizi per la Via Verde della Costa dei Trabocchi. Si è trattato di un primo incontro interlocutorio tra le parti e molto positivo, anche si il prezzo di partenza stabilito da RFI per i vari immobili è molto distante dalle reali possibilità di Comuni e Regione. Si parla di un importo di circa 4,5 milioni di euro, che con ogni probabilità verrà quasi sicuramente rivisto a ribasso nei prossimi incontri.

Il Sindaco di Vasto Francesco Menna ha dichiarato a riguardo: “È stato un primo incontro con l’Amministratore Delegato di RFI finalizzato all’acquisizione della proprietà delle ex stazioni ferroviarie dismesse da parte dei Comuni interessati alla Via Verde Costa dei Trabocchi. La riqualificazione e rigenerazione di questi immobili darà un valore aggiunto in termini turistici a quest’opera, di cui a breve inizieranno i lavori. Insieme alla Regione Abruzzo lavoreremo per garantire ai fruitori della pista ciclabile i servizi necessari in termini di turismo sostenibile”.

Hanno preso parte alla riunione per il Comune di Vasto il Vice Sindaco Paola Cianci, per Fossacesia il Sindaco Enrico Di Giuseppantonio,  per Torino di Sangro Silvana Priori e per Casalbordino Filippo Marinucci.
Proprio quest’ultimo Comune pur non avendo una ex stazione dismessa ha però delle aree che potrebbero servire per eventuali punti ristoro o parcheggi ed è per questo che il primo cittadino casalese ha preso parte all’incontro: “Abbiamo diversi fabbricati abbandonati e in disuso che potrebbero essere utilizzati come punti ristoro o aree parcheggio nei pressi della nascente Via Verde. L’attuale stazione di Casalbordino è l’unica, ancora in uso, che si trova sul futuro itinerario della Via Verde e quindi potrebbe diventare un punto nevralgico e di sviluppo turistico se arricchito di servizi.”

Più informazioni su