vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

“La notte dei Falò”: confermate le tre aree di spiaggia libera

Più informazioni su

VASTO. Il 16 di agosto si terrà la “Notte dei Falò”, evento previsto ormai da tre anni nel calendario estivo grazie alla richiesta di tanti giovani vastesi che hanno voluto dare risalto a questa tradizione nel rispetto di una legittima regolamentazione in deroga all’ordinanza balneare.

L’assessore alle politiche ambientale e del territorio, con delega al demanio, il vicesindaco Paola Cianci: “L’amministrazione Comunale ha individuato, anche per quest’anno, le tre aree specifiche dove potranno svolgersi i falò nella sottozona Area Eventi – Lungomare Duca Degli Abruzzi, nella spiaggia libera nei pressi della Bagnante e nella spiaggia libera nei pressi del Pontile, che non interessano le zone Sic della Riserva Naturale di Marina di Vasto (dune). Ai giovani auguriamo di trascorrere una bella serata e, allo stesso tempo, invitiamo gli stessi ad avere massima cura e attenzione nella pulizia dell’arenile”.

L’assessore alle politiche sociali, dei diritti e delle risorse umane, con delega alle politiche giovanili, Lina Marchesani: “Un ringraziamento speciale va ai ragazzi della Consulta Giovanile che, nella persona del Presidente Mario Enrico Testa, si sono attivati nel richiedere l’autorizzazione dell’evento, facendosi portavoce di un’intera generazione di giovani e rappresentandoli come istituzione comunale. Il senso di responsabilità dovrà contraddistinguere questa che ormai è una tradizione dell’estate vastese”.

L’assessore allo sviluppo economico e alla qualità della vita, con delega al turismo, Carlo Della Penna: “L’evento della caratterizza il nostro calendario estivo ormai da tre anni. Attira tanti giovani vastesi e tanti turisti che vengono catturati dall’atmosfera che si crea la notte del 16 agosto sulla spiaggia di Vasto Marina, dove la nostra città viene illuminata dalla luna e dai fuochi pirotecnici, rimanendo nel cuore di tutti coloro che hanno il piacere di visitarla”.

Più informazioni su