vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Da Barcellona a Marsiglia, l’assassino di Croix-Rouge infiamma l’Islamofobia

Più informazioni su

VASTO. Non si sa ancora il suo nome, né la sua nazionalità e non vi è stata nemmeno una rivendicazione da parte di qualche sedicente gruppo estremistico islamico. Nonostante il procuratore di Marsiglia, Xavier Tarabeux, abbia escluso che si tratti di un atto di terrorismo e privilegi la pista della malattia mentale, il pensiero di tutti è subito corso in quella direzione. Il sospetto, sotto stretto interrogatorio della polizia, si rifiuta di parlare e di spiegare le motivazioni del suo folle gesto; il giovane era già conosciuto dalle forze dell’ordine per reati comuni, ma non per questioni terroristiche.

Il fatto – Un uomo di 35 anni questa mattina alle 8 ha travolto e ferito gravemente una donna di 29, che si trovava ferma nei pressi di una stazione degli autobus a Croix-Rouge (fotogramma.it), un quartiere popolare a nord di Marsiglia, lanciandole contro il furgone bianco di cui si trovava alla guida. La pazza corsa dell’attentore è continuata fino alla stazione dei pullman del quartiere di Valentine, dove ha travolto e stavolta ucciso un’altra donna di 41 anni. Ad incastrarlo le videocamere di sorveglianza che hanno permesso agli inquirenti di risalire alla targa del veicolo e di rintracciarlo mentre si dirigeva sul lungomare della città francese, verso la frequentatissima Vieux Port. Il sospetto è stato fermato e arrestato dalla polizia. Il terrore viaggia su quattroruote e in solitaria. A pochi giorni dall’attentato a Barcellona, dove per travolgere la folla è stato usato un furgone bianco affittato, questo nuovo episodio di violenza, compiuto con una Renault Espace rubata, non fa che aumentare il livello di panico della popolazione e gridare subito all’attentato terroristico. Ma mentre nella capitale catalana a compiere i due attentati sono stati diversi uomini, e in comune con il folle gesto di Marsiglia vi è il tipo di mezzo usato, a far scattare l’allarme e a far gridare all’attentato terroristico anche in questo caso, sono gli altri fatti di sangue che hanno di tinto di rosso nel giro di pochi giorni diverse città Europee e la Siberia. In comune con l’episodio avvenuto stamattina nella città francese è il fatto che sono stati tutti compiuti da un lupo solitario. In Finlandia il 19 agosto, un giovanissimo di origini marocchine di appena 18 anni si è scagliato con un coltello sulla folla uccidendo due persone e ferendone 7. Sempre il 19 in Russia, a Surgut in Siberia, un uomo di nazionalità russa si è lanciato armato di coltello sui passanti ferendone sette, prima di essere ucciso dalla polizia; in questo caso l’Isis ha rivendicato l’attentato. Era il 28 di luglio quando un uomo è entrato in supermercato di Amburgo e ha ucciso una persona e ferito diversi clienti, sempre all’arma bianca, al grido di “Allah Akbar”.

Sabina Sestu    

Più informazioni su