vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Per la Festa dei nonni l’intervista a Giovina, diventata nonna a soli 44 anni

Più informazioni su

VASTO. Oggi, 2 ottobre, ricorre in tutta Italia la Festa dei nonni e per l’occasione abbiamo intervistato  Giovina Lucci, diventata nonna giovanissima, a soli 44 anni. Adesso ne ha 49 e ha un nipotino di 5 anni che si chiama Federico, ma a breve diventerà nonna per la seconda volta, di una bellissima femminuccia.

Qual è stata la tua reazione quando hai ricevuto la notizia che saresti diventata nonna?

Quando mio figlio e la compagna mi hanno detto che sarei diventata nonna sono rimasta scioccata, è stata una doccia ghiacciata di quelle che ti arrivano all’improvviso. Mi sono subito detta: Io nonna? E’ impossibile! Mia nonna diceva sempre che essere nonna è come diventare mamma per la seconda volta, ma io non ci credevo. Poi quando lo sono diventata mi sono detta che aveva proprio ragione, perché un nipote è sangue del tuo sangue”.

Com’è essere nonna?

“E’ una cosa troppo bella, io auguro a tutti di diventare genitori e nonni, perché è una gioia che racchiude tutto l’amore della vita. E’ un dono troppo grande. Poi Federico è un bambino tranquillo, ci ha conquistato sin dall’inizio, e sempre di più, giorno per giorno. Io e mio marito siamo proprio innamorati di lui e della famiglia in generale. Essere nonni racchiude tutto l’amore del mondo”.

Com’è cambiata la tua vita da quando hai un nipotino?

“E’ cambiata tanto, sentirsi chiamare nonna e nonno è qualcosa che non ha prezzo, ti scioglie il cuore. C’è lui che ci porta i lavoretti da scuola con i suoi disegni ed è una gioia immensa. Ritrovarsi nonni giovani è bellissimo perché hai ancora la forza di fare tutto insieme ai nipoti. Non è facile costruire una famiglia quando si è molto giovani, ma io ai miei figli lo auguro. Un nipotino diventa come un figlio che porti ovunque, al mare, al parco, in piscina. Anche se i genitori lavorano tu, nonna, diventi un punto di riferimento materiale e spirituale, perché offri tutto il tuo affetto e il tuo amore.”

Per te allora la famiglia è al primo posto?

“Sì la famiglia è il dono più grande che Dio ci fa, amarsi e volersi bene sono la cosa che conta di più. E’ il valore più importante, è quello che rimane quando tutto il resto scompare. Sono felicissima per questo dono, cerco sempre di essere una brava mamma, una brava moglie e una brava nonna. Se i nipoti crescono in una famiglia serena vivono bene e crescono ancora meglio, ma l’amore non deve mai mancare.”

Più informazioni su