vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Pacc, Mazzocca: “A gennaio presenteremo la stesura definitiva” foto

Più informazioni su

VASTO. Si è tenuto a Vasto presso la Sala Consiliare del Comune il secondo incontro pubblico del percorso partecipativo volto alla definizione del Piano di Adattamento ai Cambiamenti Climatici (PACC) della Regione Abruzzo. L’evento è stato aperto dai saluti introduttivi  del Vice Sindaco Paola Cianci e del Sottosegretario alla Presidenza d’Abruzzo Mario Mazzocca.

Paola Cianci ha affermato: “Grazie al Sottosegretario Mario Mazzocca per aver scelto Vasto per il secondo incontro del processo partecipativo per la progettazione del PACC. I cambiamenti climatici rappresentano una delle più grandi sfide che le istituzioni, a tutti i livelli, e le popolazioni sono chiamate ad affrontare e l’Abruzzo, per le sue caratteristiche territoriali, è una delle regioni con la più alta vulnerabilità ai cambiamenti climatici. Dobbiamo mettere in campo azioni che ne minimizzino gli effetti.”

Mazzocca ha dichiarato: “Si tratta di un piano che noi stiamo portando avanti e che definiremo in maniera completa entro il prossimo mese di dicembre.  A gennaio presumo presenteremo alla comunità abruzzese questa stesura definitiva. Il processo è iniziato nel 2015, quando approvammo una strategia sul tema dell’adattamento ai cambiamenti climatici e su come improntare i modi comportamentali umani affinché gli effetti del clima possano essere in qualche modo prevenuti e soprattuto per rendere un contributo importante alla comunità abruzzese su questo tema che  con massima sicurezza interessa le prossime generazioni e il futuro del nostro territorio. A giugno abbiamo presentato il profilo climatico regionale  e continueremo a definire il quadro della situazione”.

Successivamente ha preso la parola il ProfPiero Di Carlo dell’Università di Chieti, che ha affrontato in particolare, il tema della vulnerabilità climatica e zona costiera con i seguenti focus: surriscaldamento, rischio idropotabile, erosione costiera, portata dei fiumi, Protezione Civile e migrazioni.

Piero Di Carlo sul profilo Climatico Abruzzese ha detto: “Noi di fatto abbiamo preso la serie storica di  dati  per vedere la situazione climatica della nostra regione sia per confrontarla con la situazione generale, ma anche per avere un riscontro locale di ciò che sta avvenendo in Abruzzo. Di fatto la regione conferma le tendenze dell’emisfero nord”.

 All’incontro erano presenta anche la Protezione Civile di Vasto, alcuni sindaci del vastese e diverse associazioni ambientali tra cui WWF e Legambiente.

La prossima tappa del percorso partecipativo sarà venerdì 20 ottobre presso l’Aurum di Pescara, nell’ambito della Settimana Europea delle Regioni e delle Città 2017 e dibattito cittadino verso la Cop 23 di Bonn (Conferenza delle Parti – Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici), con il tema “Criticità emerse dal Profilo Climatico e problematiche locali: città metropolitana e cambiamenti climatici connessi, emissioni in atmosfera (traffico, riscaldamento edifici e attività produttive)”.

Il calendario di tutti gli incontri partecipativi, il profilo climatico regionale e informazioni sul Piano di Adattamento ai Cambiamenti Climatici della Regione Abruzzo (PACC) sono disponibili nella sezione PACC Abruzzo: Resilienza e politiche di adattamento ai cambiamenti climatici all’interno dell’area tematica Ambiente: https://www.regione.abruzzo.it/content/pacc-abruzzo-resilienza-e-politiche-di-adattamento-ai-cambiamenti-climatici.

Più informazioni su