Campionato Italiano Assoluto: Di Fabio 6° nei 400 misti e 7° nei 200

Altri Sport
mercoledì 07 aprile 2021
di La Redazione
Campionato Italiano Assoluto: Di Fabio sesto nei 400 misti e settimo nei 200
Campionato Italiano Assoluto: Di Fabio sesto nei 400 misti e settimo nei 200 © H2O

VASTO. Porta a casa anche un buon settimo posto nei 200 misti che fa il paio con il sesto conquistato nei 400, Nicolangelo Di Fabio, atleta tesserato per l’Esercito che si allena sotto i colori dell’H2O Sport, seguito dallo sguardo attento dei tecnici Massimo Tucci e Walter Coccia, dal preparatore atletico Marco Acquarola e dal mental coach Alberto Silvestri. L’atleta è stato protagonista ai recenti campionati italiani assoluti Unipol Sai di Riccione. Una kermesse, quella tricolore, dal valore assoluto come conferma, ad esempio, il record italiano piazzato dal vincitore dei 200 misti, Alberto Razzetti (Fiamme Gialle) che chiude  la gara in 1’57”13, crono che rappresenta anche la settima prestazione mondiale stagionale sulla distanza. Mai come quest’anno i campionati italiani di Riccione, validi anche come prova di qualificazione agli europei di Budapest e alle olimpiadi di Tokyo, hanno espresso un livello tecnico elevatissimo nel quale Di Fabio si è trovato a proprio agio. Non era certo facile confermare la medaglia d’argento conquistata ai tricolori di Riccione di dicembre visto l’equilibrio dei valori in campo. Nei 200 misti, dopo aver chiuso con il secondo tempo la batteria di qualificazione in mattinata (2’02”97) il nuotatore di Cupello in finale ha nuotato in 2’03”11 togliendosi la soddisfazione di far registrare il miglior tempo assoluto nella frazione a stile (28”14), meglio anche del vincitore Razzetti. In una gara tirata e avvincente, Di Fabio ha completato in 26”69 la frazione a delfino, in 31”92 quella a dorso e 36”36 a rana prima del grande exploit finale. A completare il podio sono stati Lorenzo Glessi (Esercito) con 2’00”81 e Matteo Pelizzari (Cc Aniene) in 2’01”38.

 

Ottima  la gara dei 400 misti dove la partenza è stata sprint con la chiusura in testa nella frazione a delfino completata in 58”65 sotto il primato italiano della specialità. Nel passaggio a dorso (1’08”34) e nel successivo a rana (1’16”88) Di Fabio ha rallentato un po’ il ritmo per poi ripartire di slancio nello stile libero chiudendolo con un eccellente 59”20 miglior crono di frazione. Il crono complessivo di 4’23”63 consente all’atleta abruzzese che si allena con il team biancorosso, di mettere in bacheca la sesta posizione finale. La gara è stata vinta da Pier Andrea Matteazzi (Esercito) in 4’15”80 seguito da Pietro Paolo Sarpe (CC Aniene) con il crono di 4’19”42 e Federico Turrini (Esercito) 4’21”06.

Considerando la grande qualità degli atleti in vasca, il bilancio tricolore di Nicolangelo Di Fabio può essere considerato positivo anche in virtù del fatto che il nuotatore abruzzese si è da poco cimentato con la specialità dei misti che richiede tempo e lavoro per poter riuscire a raccogliere i migliori risultati in vasca. La strada intrapresa da Di Fabio, uno che di sfide importanti ne ha vinte tante in carriera, è senza dubbio quella giusta. Affinando ulteriormente alcuni aspetti le soddisfazioni di certo non mancheranno anche ad altissimi livelli. Ripartire da quanto di buono fatto a Riccione  è l’obiettivo del classe 1996 che avrà adesso tempo e modo per preparare al meglio il Sette Colli in programma a giugno. Con i consigli dei suoi allenatori Tucci e Coccia e le sue grandi qualità tecnica, potrà sicuramente arrivare lontano.

Questo il commento del presidente Tucci: “I risultati di Di Fabio sono una grande soddisfazione per tutto il team H2O Sport e rappresentano l’apice di tutto il nostro movimento agonistico che in questi anni ha stabilmente centrato grandi risultati di livello nazionale con i suoi giovani vincendo tantissime medaglie e numerose qualificazioni ai tricolori. Abbiamo tanti ragazzi interessanti e avere con noi Nicolangelo Di Fabio rappresenta un valore aggiunto per tutti loro, un modello a cui ispirarsi per raggiungere traguardi sempre più importanti“.