Studenti vastesi e Consulta giovanile in piazza: il flash mob contro la violenza di genere

Attualità
giovedì 25 novembre 2021
di La Redazione
Studenti vastesi e Consulta giovanile in piazza: il flash mob contro la violenza di genere
Studenti vastesi e Consulta giovanile in piazza: il flash mob contro la violenza di genere © Vladic Ciccotosto

VASTO. Oggi 25 novembre, nella giornata internazionale contro la violenza sulle donne, ragazzi e ragazze del Polo Liceale Mattioli, Pantini-Pudente e Mattei, si sono impegnati in un imponente e significativo Flashmob #semprelibera, in piazza Barbacani, uno dei cuori pulsanti della nostra città. È la professoressa Giovanna Santangelo la referente e anche l’ideatrice di questo bellissimo lavoro che ormai da giorni ha tenuto impegnati noi ragazzi alla ricerca di idee innovative, artistiche e, allo stesso tempo, in grado di dare un messaggio forte come quello contro la violenza di genere. Dopo esserci confrontati, abbiamo deciso di unire alla danza anche momenti di lettura e pittura. E’ stato scelto come brano “Ameno” degli Era. La coreografia è stata ideata da Alice Pardi che, con pazienza e dedizione, si è occupata di mostrarla e farla arrivare a tutti i partecipanti. Giorni di prove, di modifiche e di adattamenti, ma con la creatività, Alice è riuscita a cogliere in pieno l’obiettivo rendendo tutti in grado di esprimersi e di sentirlo proprio. Non è stato da meno il talento di Cristina Antonacci che, durante l’esibizione, ha realizzato una tela sul tema della violenza, tela donata con apprezzamento all’Assessore alle politiche giovanili Paola Cianci. L’assessore Cianci insieme al sindaco Francesco Menna e alla presidente della Consulta Giovanile Marta Del Negro, hanno evidenziato l’importanza di iniziative come quella di oggi.  Non esiste solo la violenza fisica, c’è anche quella verbale e psicologica. Le donne subiscono violenza anche da una società che non le ascolta e che rimane indifferente.

Tre le letture a conclusione dell’evento per evidenziare il senso di questa nostra mattinata. Abbiamo messo in atto tutte le nostre energie per esprimere in modo alternativo la nostra denuncia contro  gli stereotipi, la privazione arbitraria della libertà, la violenza.

“Mani aperte che si cercano, si incontrano, si stringono; mani “legate” alle braccia che salgono e si allontanano; mani sul volto, forse carezze…ma non sempre;

mani chiuse che custodiscono…ma spesso nascondono: dolcezza o forse dolore, rabbia. 

Mani in croce. 

Una mano può reggere, tenere, salvare. 

Due mani possono di più”. 

Così in un comunicato la studentessa Ilaria Sputore.

Ad accompagnare gli studenti le professoresse Giovanna Santangelo del Liceo Scientifico, Sandra Minerva e Angela Roberto del Liceo Artistico e Giampaola Bellafronte dell'Itis. 

Presenti anche il Sindaco di Vasto Francesco Menna e l'assessore alle Politiche Giovanili Paola Cianci. 

Quest'ultima ha detto: "Con ɪʟ 𝗳𝗹𝗮𝘀𝗵 𝗺𝗼𝗯 ǫᴜᴇsᴛᴀ ᴍᴀᴛᴛɪɴᴀ sᴏɴᴏ ᴄᴏᴍɪɴᴄɪᴀᴛᴇ ʟᴇ ɪɴɪᴢɪᴀᴛɪᴠᴇ ᴅɪ 𝑺𝑬𝑴𝑷𝑹𝑬 𝑳𝑰𝑩𝑬𝑹𝑨 ᴘʀᴏᴍᴏssᴇ ᴅᴀʟʟᴀ 𝗖𝗼𝗻𝘀𝘂𝗹𝘁𝗮 𝗚𝗶𝗼𝘃𝗮𝗻𝗶𝗹𝗲, 𝗖𝗲𝗻𝘁𝗿𝗼 𝗔𝗻𝘁𝗶𝘃𝗶𝗼𝗹𝗲𝗻𝘇𝗮 𝗗𝗼𝗻𝗻𝗔𝘁𝘁𝗶𝘃𝗮, 𝗟𝗶𝗰𝗲𝗼 𝗔𝗿𝘁𝗶𝘀𝘁𝗶𝗰𝗼, 𝗟𝗶𝗰𝗲𝗼 𝗦𝗰𝗶𝗲𝗻𝘁𝗶𝗳𝗶𝗰𝗼, 𝗜𝘀𝘁𝗶𝘁𝘂𝘁𝗼 𝗧𝗲𝗰𝗻𝗶𝗰𝗼 𝗦𝗲𝘁𝘁𝗼𝗿𝗲 𝗧𝗲𝗰𝗻𝗼𝗹𝗼𝗴𝗶𝗰𝗼 𝗲 𝗖𝗼𝗻𝘀𝗼𝗿𝘇𝗶𝗼 𝗠𝗮𝘁𝗿𝗶𝘅.

ʀᴀɢᴀᴢᴢᴇ ᴇ ʀᴀɢᴀᴢᴢɪ ɪɴsɪᴇᴍᴇ ʜᴀɴɴᴏ ᴄᴏᴍᴜɴɪᴄᴀᴛᴏ ᴄᴏɴ ɪʟ ᴍᴏᴠɪᴍᴇɴᴛᴏ ᴅᴇʟ ᴄᴏʀᴘᴏ sᴜʟʟᴇ ɴᴏᴛᴇ ᴅɪ '𝑨𝒎𝒆𝒏𝒂' ᴅᴇɢʟɪ 𝗘𝗥𝗔 ᴇᴍᴏᴢɪᴏɴɪ ᴇ ᴛʀᴀsᴍᴇssᴏ ᴜɴ ᴍᴇssᴀɢɢɪᴏ ᴅɪ ғᴏʀᴢᴀ ᴇ ᴅɪ ᴄᴏʀᴀɢɢɪᴏ ᴘᴇʀ ǫᴜᴇʟʟᴇ ᴅᴏɴɴᴇ ᴄʜᴇ sᴜʙɪsᴄᴏɴᴏ ᴠɪᴏʟᴇɴᴢᴀ ɪɴ sɪʟᴇɴᴢɪᴏ.

Se sei vittima di violenza o stalking, chiama il 1522"

 

GUARDA I VIDEO: