"Carenza di medici nei punti primo intervento, aumentano i disservizi nelle aree interne"

Sanità mar 21 giugno 2022

Gissi A denunciarlo sono i sindaci di Gissi, Casoli e Guardiagrele

Attualità di La Redazione
2min
Pta di Gissi ©Web
Pta di Gissi ©Web

GISSI. "Ormai da troppo tempo i nostri territori subiscono la carenza di Medici nei Punti di Primo Intervento di Guardiagrele, Casoli e Gissi.

Il PPI è un punto di primo accesso del cittadino per avere le prime cure per poi essere stabilizzato e portato nei presidi ospedalieri attrezzati, ed i PPI di Guardiagrele, Casoli e Gissi sono il primo avamposto di tutti i Comuni montani e pedemontani, ma questo sembra che alla ASL ed alla Regione non interessi.

I Medici del PPI dei tre presidi sanitari sono ormai allo stremo per i turni di lavoro disumani, anchenonostante l’aiuto che viene prestato a loro da altri Medici con orari aggiuntivi, ma non garantisconola continuità e la possibilità di coprire i 3 turni con serenità. Gli stessi Medici devono augurarsi di non ammalarsi perché non sanno come coprire il turno.

Però anziché trovare soluzioni per garantire la salute ai cittadini, ogni anno, nell’approssimarsi dellastagione estiva si comincia a parlare di chiusura notturna di questi tre centri.

Noi non ci stiamo, rivendichiamo una medicina del territorio che sia all’avanguardia e che garantiscala salute e la sicurezza dei cittadini 24 ore al giorno.

Non solo per le aree interne ma anche per tutti gli altri cittadini che devono accedere ai Pronto Soccorso di Chieti, Lanciano e Vasto e sono costretti a fare lunghe attese anche di 12-14 ore.

Non solo per i Medici dei PPI, ma anche per i Medici dei Pronto Soccorso degli ospedali maggiori, che si trovano a fare turni strazianti con un numero elevato di accessi, con pazienti lasciati sulle barelle nei corridoi o nelle stanze di osservazione breve per ore ed ore senza che nessuno possa dare loro risposte.

Tutto questo non è più tollerabile. Chiediamo che nei tre PPI di Guardiagrele, Casoli e Gissi vengano coperti i 3 turni con medici strutturati, e solo per ferie o malattie ricorrere ad ore aggiuntive.

Poi, ci sono i paradossi, vediamo articoli strani, come quello apparso su “il centro” di qualche giornofa, dove il Sindaco di Francavilla al Mare annunciava l’apertura di un “mini Pronto Soccorso” aFrancavilla, con tanto di ringraziamento alla Regione per aver contribuito al risultato.

Se la Regione vuole spostare la Sanità sulla costa, che lo dicesse a chiare lettere, così sappiamoche c’è un confine fisico e da quel confine non passerà più neanche un Consigliere Regionale, così i cittadini sapranno benissimo di chi sarà la colpa dello spopolamento dei nostri centri e di tutti i centri montani e pedemontani.

Chiediamo un confronto serio con Regione ed ASL affinchè si possa riorganizzare bene il servizio sanitario del territorio. Siamo stufi di essere accusati quotidianamente dai nostri cittadini e dal personale sanitario dei nostri PTA, perché non facciamo abbastanza per la Sanità.

Noi tre Sindaci in questi anni abbiamo fatto richieste di potenziamento dei nostri presidi ma i risultati non ci sono stati, se non con piccoli paliativi che non migliorano i servizi ai cittadini.

Attendiamo un incontro da parte della Regione e della ASL per collaborare e risolvere i problemi ed a migliorare la vita dei cittadini delle aree interne".

DONATELLO DI PRINZIO Sindaco di Guardiagrele

MASSIMO TIBERINI Sindaco di Casoli

AGOSTINO CHIEFFO Sindaco di Gissi

Vastoweb.com Testata giornalistica

Reg. Tribunale di Larino N. 01/2009 del 9/01/2009 - Num. iscrizione ROC:30703

Direttore Responsabile: Nicola Montuori

Editore: MEDIACOMM srl
Via Martiri della Resistenza, 134 - 86039 TERMOLI(CB)
P.Iva 01785180702

© Vastoweb.com. 2022 - tutti i diritti riservati.

Realizzato da Studio Weblab

Navigazione