Tribunale, salta l'incontro con Bonafede: «Non abbandoneremo la questione»

"Gli uffici sono già al lavoro"

Attualità
Vasto sabato 12 gennaio 2019
di La Redazione
Più informazioni su
Tribunale di Vasto
Tribunale di Vasto © Google

VASTO. E' saltato l'incontro tra la commissione regionale, i vertici degli uffici giudiziari e il Ministro Bonafede in cui dovevano essere esposte le motivazione per salvare i 4 Tribunali minori abruzzesi: Vasto, Lanciano, Sulmona e Avezzano.

Il Ministro Alfonso Bonafede sul mancato incontro ha dichiarato: "L'incontro con la commissione regionale e con i vertici degli uffici giudiziari abruzzesi è stato rinviato per l'incombenza di alcune urgenze. Come ho potuto precisare al Presidente del Consiglio regionale, l'incontro era stato fissato lo scorso anno tenuto conto dell'obiettiva urgenza della questione. Con l'approvazione della manovra c'è stata la proroga di un ulteriore anno, fino al 2021 voluta fortemente dal governo, che permetterà al ministero un più ampio margine di riflessione per trovare una soluzione sostenibile che tenga conto delle peculiarità dei tribunali minori abruzzesi. Quindi, per chiarezza, non abbiamo alcuna intenzione di abbandonare la questione, anzi, gli uffici sono già al lavoro".


A riguardo il Consigliere comunale Davide D'Alessandro ha dichiarato: "Sul Tribunale di Vasto c'è il rischio di assistere a vecchie recite. I cittadini devono pretendere adesso dai candidati a un posto in Regione, lautamente remunerato, non chiacchiere ma forme di impegno ben visibili. Passata la festa, gabbato lo santo. Se il presidio di Vasto non viene difeso dai vastesi, assisteremo alla spoliazione definitiva. Siamo diventati l'estrema periferia della periferia abruzzese. E basta con le deroghe. Vasto, che insiste su un territorio pericoloso, deve mantenere il suo Tribunale. Punto. Il resto è continua presa in giro. Se Roma e L'Aquila non sentono o, peggio, snobbano, se etichette e simboletti di partito promettono e non mantengono, tocca ai cittadini, con il voto, bocciare gli avventurieri e premiare chi ara ogni giorno la vigna della politica locale, difendendo sul serio le ragioni di Vasto e del Vastese."