Anche gli studenti del “Palizzi” di Vasto diventano “Guardiani della Costa”

Protagonisti gli studenti della classe II A

Attualità
Vasto domenica 16 giugno 2019
di La Redazione
Più informazioni su
Anche gli studenti del “F. Palizzi” di Vasto diventano “Guardiani della Costa”
Anche gli studenti del “F. Palizzi” di Vasto diventano “Guardiani della Costa” © Vastoweb

VASTO. Gli studenti della classe II A, del Settore Costruzioni, Ambiente, Territorio dell’Istituto Tecnico Statale Economico e Tecnologico “F. Palizzi” di Vasto, hanno partecipato al progetto“Guardiani della Costa”.

Il progetto“Guardiani della Costa”, promosso da Costa Crociere Foundation in collaborazione con ENEA e ISPRA e rivolto a studenti e docenti degli istituti secondari di secondo grado per preservare la qualità ambientale delle coste italiane. In una prima fase gli studenti sono stati registrati sulla piattaforma https://app.guardianidellacosta.it/admin/groups.

Successivamente i ragazzi sono stati formati alle tematiche ambientali attraverso video tutorial e materiale didattico messo a disposizione sulla piattaforma. Prima delle attività di campo, da svolgere sul tratto di costa assegnato, gli studenti hanno seguito delle lezioni su come eseguire le misure in spiaggia, raccogliere dati quantitativi e fare e inviare foto agli esperti.

In fine, gruppi di studenti della II A si sono recati sul tratto di costa assegnato e hanno fatto nel complesso 48 segnalazioni agli esperti che hanno il compito di validare i dati inviati. Il progetto, voluto dalla Dirigente Professoressa Nicoletta Del Re, ha avuto lo scopo di sensibilizzare gli studenti all’unicità del patrimonio naturalistico delle coste italiane, oltre ad aumentare la consapevolezza sui problemi derivanti dall’inquinamento marino, dall’aumento dei rifiuti marini lungo le coste, le spiagge e il mare.

I ragazzi, supportati dal docente di scienze e geologia Antonio Carabella, hanno potuto approfondire con l’aiuto degli esperti temi riguardanti la biologia marina, la geologia costiera e marina, la biostratigrafia e l’idrogeologia e fare esperienza di rilevamento.

Antonio Carabella