Jova Beach Party a Montesilvano, Menna: «Disponibili a dare una mano»

Il sindaco: " Ciò che mi interessa è che si realizzi per l’Abruzzo"

Attualità
Vasto venerdì 16 agosto 2019
di La Redazione
Jova Beach Party
Jova Beach Party © Jova Beach Party

VASTO. Il Sindaco di Vasto, Francesco Menna, scrive al sindaco di Montesilvano, al Questore, al Comandante dei Vigili del Fuoco e della Polizia per il Jova Beach Party:

"Caro Collega,
Illustri Servitori dello Stato sul territorio,
sento il bisogno di sottoporVi questa mia riflessione odierna, 16 di agosto 2019, per rendere possibile, con il mio piccolo contributo di incoraggiamento, la riuscita dell’accoglienza della tappa del “Jova Beach Party”, a titolo di promozione, ovviamente, della Città di Montesilvano e della Provincia di Pescara ma, compiutamente, dell’intera nostra Regione Abruzzo e, specificamente, con la sua peculiare offerta di “economia del mare” che coincide con una delle parti più belle del Mare Adriatico.

So che proprio oggi sono state avviate le attività di sopralluogo e, per esso, non esito a sincerarVi che, da uomo di fede, prego intensamente affinché sia normale ciò che deve essere normale e vi sia un clima di rispetto istituzionale e collaborativa serenità, al fine di favorire un’attività istruttoria che garantisca la visura delle condizioni di sicurezza, di organizzazione funzionante, per rendere possibile una bella giornata di festa che segnerà di sé tutta la stagione.

Mi giungono notizie di un atteggiamento positivo di quel cantiere di progettualità idoneo a garantire l’evento. Ad horas non è d’interesse ciò che non è cantierabile a Vasto: ciò che mi interessa è che si realizzi per l’Abruzzo e poiché si realizzerà per l’Abruzzo arriverà convenienza anche a Vasto.

Sarà, infatti, un’espressione della creatività dell’Abruzzo, della idoneità della collocazione turistica, soprattutto per il turismo giovanile a favore di tutto il territorio regionale.

Sono convinto che avrà anche una forza educativa e rieducativa: noi non possiamo immaginare un territorio fatto di “città-teche”, ovvero di città che se ne stanno lì, immobili, dove nulla accade.

Noi vogliamo che ci sia dinamicità, che ci sia movimento, che ci sia spostamento, che ci sia, in una parola, “effervescenza attrattiva”. Insomma, noi vogliamo le nostre Città desiderabili anche a migliaia di chilometri di distanza.

Il concerto di Jovanotti è un fatto di cultura, è un fatto di arte e di musica, è un fatto di parole, è un fatto da dedicarsi a tutto ciò che di bello e significativo possiamo produrre sui nostri territori.


Preciso che sono disponibile a dare una mano anche a titolo personale, impegnando la mia fisicità e naturalmente anche come persona giuridica, impegnando l’attività collaborativa degli uffici del Comune di Vasto, che assorbono, nel loro grembo esperienze introvabili e saggezze antiche.

L’occasione mi è gradita per inviarVi i miei più cordiali e collaborativi saluti."