Rosy Bindi: «Negli ultimi anni è stata sottovalutata la sanità pubblica»

L'ex ministro: "E' necessario rilanciare una riforma in ambito sanitario"

Attualità
Vasto mercoledì 04 dicembre 2019
di Federico Cosenza
Più informazioni su
Rimettere al centro la sanità: l'incontro con Rosy Bindi
Rimettere al centro la sanità: l'incontro con Rosy Bindi © Vastoweb

VASTO. "La sanità che vogliamo", è questo il nome del convegno che si è svolto a Vasto presso la sede della Società Operaia di Mutuo Soccorso.

L'incontro è stato introdotto dalla dottoressa Maria Amato, moderato dalla giornalista Lilli Mandara ed ha avuto come ospite di rilievo Rosy Bindi.

L'ex ministro della sanità del Governo Prodi, in carica dal 1996 al 2000, ha affermato: "In questi ultimi anni c'è stata una sottovalutazione della sanità pubblica e dell'intero sistema sanitario nazionale. La crisi economica ha costretto a ristrettezze economiche notevoli, con una sorta di razionamento a vantaggio delle strutture private. E' necessario rilanciare una riforma. In passato molto spesso è capitato che sono stati chiusi ospedali a danno dei servizi esistenti nel pregresso con la popolazione che si è trovata davanti una riduzione dell'offerta sanitaria. Il diritto alla salute è un diritto fondamentale della persona, che non può essere tutelato in base alla disponibilità delle risorse. Va tutelato e basta".

La Bindi si è espressa anche sull'attuale governo giallorosso: "Dovrebbe andare avanti attorno ad un programma serio e che affronti i problemi degli italiani, dovrebbe soprattuto arrivare alla fine della legislatura per una maggiore autorevolezza dell'Italia anche nel contesto europeo. Se invece si sta scherzando, questa scelta finirà per ritorcersi contro le stesse forze politiche che hanno dato vita a questo Governo e che dovrebbero approfittarne per affrontare nella maniera giusta i problemi degli italiani e la maniera giusta non è certo quella di Salvini".

Durante il dibattito non sono mancati gli interventi di studiosi e professionisti del sistema sanitario, sindacati e associazioni.

GUARDA IL VIDEO: