​Vastese rischia incidente: “Autostrada indecente, in tanti tratti mancano le corsie di emergenza”

“La presa in giro di pagare un servizio che non c’è!”, email di botta e risposta con Autostrade per l’Italia

Attualità
mercoledì 08 luglio 2020
di Lea Di Scipio
​Vastese rischia incidente: “Autostrada indecente, in tanti tratti mancano le corsie di emergenza”
​Vastese rischia incidente: “Autostrada indecente, in tanti tratti mancano le corsie di emergenza” © vastoweb.com

VASTO. “Sottopongo alla vostra attenzione la gravità della situazione cui si incorre percorrendo la A14 nel tratto Marche-Abruzzo. Non si possono impiegare 8 ore per fare 400 km e pagare un servizio scadente e poco rassicurante!”.

È una nostra lettrice a scrivere, non a noi, ma ad Autostrade per l’Italia. Una vastese che vive e lavora a Bologna e che spesso per ragioni personali torna in città.

Vorrebbe poterlo fare in piena sicurezza, attraverso un percorso a pagamento, ma che ne assicuri nel contempo tutte le condizioni adeguate.

“Le corsie di emergenza mancano in tanti tratti! Non ci meritiamo un’autostrada così indecente e la presa in giro di pagare un servizio che non c’è! Fate qualcosa perché sono 2 anni che viviamo questa cosa! É pericoloso viaggiare così!”, sottolinea senza pochi giri di parole.

La sua email di protesta, datata 29 giungo 2020, è la “conseguenza di un piccolo incidente che mi ha vista coinvolta. C’era il solito restringimento della carreggiata e si circolava a doppia corsia, solo da un lato. La strada è stretta e priva di zone di sosta che aiuterebbero a gestire eventuali momenti critici. Mi poteva andare peggio”.

Il 1° luglio ecco cosa risponde la società: “Su alcuni viadotti tra Val di Sangro e Porto Sant’Elpidio sono presenti limitazioni disposte dall’Autorità Giudiziaria. Autostrade per l'Italia ha condiviso con il Ministero Infrastrutture e Trasporti il cronoprogramma di sostituzione delle barriere laterali.

Ad oggi, su un totale di 13 viadotti, 7 sono stati dissequestrati e cantierizzati per le attività propedeutiche alla redazione dei progetti esecutivi. Per gli altri 6 si è in attesa della validazione dei progetti definitivi da parte dello stesso Ministero, prima di poterne richiedere il dissequestro.

Sono inoltre presenti, sulla A14, cantierizzazioni legate al piano di adeguamento delle gallerie con lunghezza superiore a 500 m. Le attività previste contemplano la realizzazione di vasche di drenaggio laterali per la raccolta di acque e materiali utilizzati nel caso di spegnimento di un incendio, installazione di impianti di sos in galleria e implementazione dell’impianto antincendio, con prese dirette ad uso dei Vigili del fuoco.

Stante la stagione estiva e il conseguente aumento dei flussi di traffico sul tracciato autostradale, Autostrade per l’Italia ha predisposto una serie di misure volte a mitigare le possibili ripercussioni sulla fluidità della circolazione nonché finalizzate a ridurre i tempi di risoluzione delle situazioni emergenziali che potrebbero verificarsi attraverso il presidio di personale dedicato e di carri attrezzi”.

E con questo commento conclude la cittadina vestese: “So per certo che lamentele come le mie sono state già inoltrate da tante persone e la risposta della società autostrade è sempre la stessa. Spero che queste misure adottate siano davvero di aiuto concreto per i viaggiatori e che le Regioni Abruzzo e Marche seguano l’esempio della Liguria”.