Pasqua 2019, gli auguri della comunità romena ortodossa di Vasto

Auguri
Vasto mercoledì 17 aprile 2019
Più informazioni su
Pasqua 2019, gli auguri della comunità romena ortodossa di Vasto
Pasqua 2019, gli auguri della comunità romena ortodossa di Vasto © vastoweb.com

VASTO. Nella gioia della celebrazione di Pasqua auguriamo a tutti i fratelli e sorelle romano cattolici, con il saluto pasquale bizantino e ortodosso, una buona e salutare Pasqua. Cristo è risorto! È veramente risorto! Sono gli auguri della comunità romena ortodossa di Vasto e dintorni .

Nonostante la diversità nel dinamismo dei riti, la Chiesa del primo millennio, nel celebrare il mistero della Morte/Sepoltura e Resurrezione del Signore Gesù Cristo, Figlio del Dio vivente, non si limitava alla sola memoria dell’evento salvifico, ma intendeva testimoniare al mondo e alla storia che non c’è altra salvezza se non in Cristo risorto, luce e speranza di un mondo che vive nelle tenebre e che può, nel fulgore del Risorto, entrare nella vera luce. Ed è per questo che i riti della Resurrezione, tanto nella Chiesa ortodossa che in quella romano cattolica, cominciano con la luce: Cristo risorto è luce e speranza del mondo. Chi accoglie la Luce, Cristo, diviene egli stesso luce con Cristo, per Cristo e in Cristo”.

Ma Cristo Signore non è risorto “per Se”, ma per noi, poiché non “per Se” aveva bisogno di gustare la passione, la sofferenza e la morte, essendo Egli senza peccato, ma per noi e per la nostra salvezza le ha gustate, così come professiamo nel Credo. Ciò significa che la morte e la resurrezione del Signore ci riguardano, riguardano ciascuno di noi, direttamente e personalmente; esse riguardano la nostra morte e resurrezione. Nello stesso modo, la sofferenza del Signore riguarda le nostre passioni e le nostre sofferenze. Poiché, il Signore per mezzo della passione e la sofferenza prende su di Se le passioni e le sofferenze nostre, trasformandole in paradiso, e nel Paradiso non c’è dolore, né tristezza, né rimpianto, ma vita senza fine. Per mezzo della morte di Cristo è annientato il peccato e la morte dell’uomo e, per mezzo della resurrezione, gli si restituisce, all’uomo corruttibile e mortale, l’incorruttibilità e la vita eterna.

Quest’anno la celebrazione della veglia pasquale per gli ortodossi iniziera a mezzanotte del 27 aprile, nella chiesa della Madonna del Carmine,ringraziando Don Gianfranco Travaglini ,Don GiovanniPellicciotti e la comunità di San Giuseppe che ci permettono di celebrare la Pasqua in questa chiesa.