Villa Livia, paradiso incantevole: rendi magici i momenti più belli

Contenuti Suggeriti
Vasto mercoledì 14 agosto 2019
Più informazioni su
Villa Livia
Villa Livia © Termolionline.it

TERMOLI. Oggi vi portiamo a conoscere una struttura ricettiva che fa da ristorante per grandi eventi, ma anche da complesso alberghiero, la cui location possiamo definirla un angolo di paradiso terrestre di quelli che spesso vengono illustrati nei libri e nei quadri.

Questo posto di cui oggi parliamo è Villa Livia, situata in contrada Fucilieri o anche Colle delle Sentinelle perché in tempo di guerra era una zona di postazione a difesa della città dagli attacchi di mare e di terra nemici, a metà strada tra Termoli e Petacciato che sembra un diamante perfettamente incastonato nella zona in cui si trova. Il suo mentore è lo chef e titolare della struttura Massimo Mastrangelo al quale chiediamo subito di sintetizzarci la storia di Villa Livia e di darci qualche numero ad essa associato:

"Villa Livia più che gestirla posso dire di averla creata, grazie anche allo studio fatto da un architetto di Termoli: i lavori li cominciammo nel 2001 e nel settembre 2003 siamo stati in grado di fare la prima cerimonia. Io da ragazzo di estrazione contadina di Mafalda, venivo qui a trascorrere le vacanze di Pasqua tra queste splendide colline e subito ho cominciato a far maturare dentro di me questo sogno nel cassetto ovvero quello di aprire una grande struttura. Nell'attesa di poter realizzare questo mio sogno, per diversi anni, ho gestito il ristorante "Z ' Bass'", un po’ di esperienza anche con lo Spirito Divino e da “Pizza Pazza”, una pizzeria al taglio moderna."

- Massimo, sei un grande chef riconosciuto dalla critica, come è nata in te la passione per la cucina?

“Dopo le scuole dell'obbligo fatte a Mafalda, ho frequentato dei corsi alberghieri all'Istituto Nazareno di Carpi, che venivano fatti a Giulianova; l'alberghiero all'epoca c'era anche a Termoli, ma io andai a Giulianova e ho compiuto tutto questo percorso facendo la solita gavetta tra Italia ed estero, poi ho sfruttato il grado di parentela con Z' Bass' e la sua trattoria e mi sono trasferito qui a Termoli ed oggi eccomi qua dove ho realizzato questo mio sogno nel cassetto."

Mettendo in piedi questa struttura, sei stato davvero lungimirante!

"Confermo, anche se non posso dire quanto sia stata una scelta indovinata aver abbandonato Z' Bass', ma la ristorazione giornaliera ha bisogno di più forze mentre nella banchettistica c'è bisogno di più cura, la struttura è molto più grande e va minuziosamente curata e sostenuta. Dal 2003 vi è stato, anno dopo anno, un crescendo di successi. Da sempre abbiamo cercato di rendere allegro il locale, cambiando gli interni di anno in anno per gli sposi; e poi cosa dire della meravigliosa terrazza sul nostro mare, sembriamo sospesi tra mare e cielo, per non parlare del verde che sempre curiamo; insomma la struttura deve essere sempre efficiente e pronta all'occorrenza".

-Che tipo di matrimonio riesci a sostenere in termini di invitati?

"In media possiamo soddisfare circa 400 persone, ma certo è che se arriviamo a questi numeri si riduce lo spazio ad esempio per ballare che di solito ogni matrimonio ha. Ne organizziamo uno al giorno perché così facendo, possiamo dare un servizio maggiore agli sposi e mettere a disposizione la struttura per questo giorno tanto importante per una coppia; il mio motto è farne uno, ma farlo bene. Ormai sto dedicando anima e corpo a Villa Livia da circa 10 anni, dopo aver anche venduto qualche tempo fa la gestione di Z' Bass“. E’ chiaro che qui i matrimoni sono le cerimonie più frequenti, ma a Villa Livia è possibile organizzare anche altri tipi di grandi eventi come convegni, congressi, concerti e serate importanti di musica: abbiamo avuto Maurizio Vandelli ex Equipe 84, i Camaleonti, Matia Bazar, Dik Dik, Gigi D’Alessio e Anna Tatangelo“.

Insomma chi sceglie Villa Livia per un matrimonio, deve solo consegnarsi e affidarsi all’esperienza e competenza della struttura e non rimarrà deluso.

“Qui abbiamo tutto quello che serve in caso di feste ed eventi di grande respiro e stiamo lavorando per creare sempre più comodità ai nostri clienti come una nuova area di parcheggi e zone costellate di verde.”

-Quali sono le vostre specialità culinarie?

“La cura del prodotto acquistato, soprattutto del pesce pescato dalle motobarche e non quello allevato: raramente serviamo pesce d’allevamento a meno che non ci sia richiesta specifica degli sposi, visto che noi “costruiamo” il menù insieme a loro, organizziamo una degustazione insieme per dare loro la possibilità di scegliere. Siamo attrezzati per menù a base di pesce, ma sia chiaro che siamo in grado di soddisfare anche altre richieste.”

-Per quest’ultima parte dell’estate hai in programma eventi live anche di carattere musicale?

“Non abbiamo avuto il tempo quest’anno, ma con la struttura creata da Don Benito Giorgetta stiamo preparando degli eventi interessanti insieme a Pippo Franco ed altri e poi spettacoli a scopo benefico.”

-Un’ultima domanda: perché il nome “Villa Livia”?

”Mia madre si chiamava Livia; all’inizio non sapevo che nome mettere a questa struttura, ma alla fine il nome Livia suonava bene e la scelta è ricaduta su mia mamma che ho indirettamente onorato e che diciamo, mi ha portato molta fortuna. A Villa Livia lavora la mia famiglia, oltre ad un personale competente che è con me dall’inizio del viaggio.“

Dunque grazie ad uno scenario incantevole e un personale competente ed esperto, presso Villa Livia potete affidarvi senza timore alcuno alla professionalità della famiglia Mastrangelo e i risultati ottenuti saranno una grande soddisfazione per tutti coloro i quali decideranno di festeggiare qui uno dei giorni più importanti della propria vita.